Sessa Aurunca. Soppresso il Consorzio Aurunco di Bonifica: dipendenti trasferiti in quello del Volturno.

 “Ormai l’elevata esposizione debitoria pregressa e i continui pignoramenti, paralizzavano la regolare prosecuzione dell’attività dell’Ente con sede a Sessa Aurunca”.

Gennaro Oliviero, Presidente della Commissione Ambiente in Consiglio Regionale della Campania, spiega i motivi che hanno portato la Giunta ad approvare una delibera che sopprime il Consorzio Aurunco di Bonifica, per trasferirne compiti e dipendenti in quello del Volturno. “Ancora una volta, il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca e il Vice Presidente, Fulvio Bonavitacola, con il loro impegno, dimostrano quanto interesse hanno per le sorti del nostro territorio – esordisce il Presidente della Commissione Ambiente, Gennaro Oliviero, Consigliere regionale del PD. Condividendo la mia istanza politica, grazie alla odierna Delibera numero 220, si compie il primo passo per la definitiva liquidazione del Consorzio Aurunco di Bonifica, le cui competenze e dipendenti a tempo indeterminato sono trasferiti al Consorzio di Bonifica Bacino Inferiore Volturno, di Caserta.” “Ormai – aggiunge – l’elevata esposizione debitoria pregressa e i continui pignoramenti, paralizzavano la regolare prosecuzione dell’attività dell’Ente con sede a Sessa Aurunca. Preso atto di questa situazione di stallo, diviene vano proseguire in dispendiosi e infruttiferi tentativi di salvataggio, nonostante l’encomiabile impegno e i numerosi sforzi profusi dall’attuale Commissario Straordinario, avv. Ciro Foglia. Nell’atto, gli obiettivi prioritari considerati sono stati: continuare a fornire il necessario servizio di bonifica per dei luoghi ad alto rischio idrogeologico, tutelare le maestranze interne arrivate allo stremo per le numerose retribuzioni pregresse non percepite e continuare ad erogare il servizio di irrigazione per i tanti agricoltori serviti dal CAB”. “L’attenzione posta, sono certo servirà da stimolo a tutto il comprensorio; in un momento di grave crisi occupazionale, salviamo posti di lavoro, sosteniamo il settore primario, così importante per la nostra economia e proteggiamo gli equilibri dell’ecosistema locale – conclude Gennaro Oliviero.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu