Sessa Aurunca. Inseguimento lungo la Domiziana, tre albanesi abbandonano l’auto e scappano a piedi: bloccato uno di loro.

 

A seguito di perquisizione veicolare sono stati rinvenuti nell’abitacolo dell’auto, diversi attrezzi atti allo scasso, dei passamontagna e dei guanti.

I Carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sessa Aurunca (CE), hanno proceduto all’arresto del cittadino albanese M.Y., cl. 1978, in Italia senza fissa dimora. I militari dell’Arma, nel corso di un servizio di controllo del territorio, lungo SS domiziana, allertati dal fare sospetto del conducente che, alla vista dei carabinieri ha accelerato repentinamente la marcia, si sono posti all’inseguimento del mezzo che ha tentato più volte di speronarli. Dopo alcuni chilometri, i tre fuggitivi hanno arrestato la marcia tentando di dileguarsi a piedi. Uno di loro è stato subito raggiunto e bloccato. A seguito di perquisizione veicolare sono stati rinvenuti nell’abitacolo dell’auto, diversi attrezzi atti allo scasso, dei passamontagna e dei guanti. L’arrestato è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Santa Maria C.V. a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. A seguito delle immediate indagini, volte tra l’altro, all’identificazione dei complici, i militari dell’Arma hanno scoperto che l’arrestato era già destinatario di un ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale Ordinario di Avellino e che la misura cautelare era scaturita a seguito della rapina e del reato di violenza sessuale, aggravati in concorso, commessi nell’anno 2002 in Baiano (CE), per i quali l’uomo, latitante, era stato condannato alla pena di anni 9 di reclusione e ad euro 1.300,00 di multa. I militari dell’Arma hanno contestualmente eseguito la misura cautelare.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu