Caserta / Provincia. Appello della Confederazione Italiana Agricoltori per l’attuazione di proposte per fronteggiare la crisi: la missiva al governatore De Luca.

Mastrocinque, Presidente CIA Campania: “il documento è frutto del lavoro di condivisione delle cinque sezioni territoriali di Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno”.

“Abbiamo deciso di indirizzare al Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, una lettera aperta, che non è solo un cahiers de doléances, ma un insieme di proposte concrete, attuabili e di soccorso per consentire al comparto agricolo della Campania di poter fronteggiare con armi non spuntate questa tremenda crisi che investe la salute e l’economia nazionale”. L’appello della Confederazione Italiana Agricoltori, firmato dal presidente regionale Alessandro Mastrocinque, è frutto del lavoro di condivisione con le cinque territoriali di Avellino, Benevento, Caserta, Napoli e Salerno e propone una visione collaborativa e di sistema per supportare le singole filiere produttive che oggi sono in ginocchio. Basti pensare che i primi comparti che sono andati in crisi sono quello florovivaistico e del latte vaccino e bufalino. Nel giro di qualche giorno, purtroppo, stanno andando in crisi il comparto vitivinicolo, per il quale la Cia ha chiesto l’attivazione della “Vendemmia Verde”, e dell’ortofrutta. Tutti i comparti agricoli, stanno vivendo la crisi e in questo momento hanno bisogno di due azioni immediate: misure a sostegno della vendita del prodotto; iniezione di liquidità e per la prosecuzione dell’attività. “Tra le diverse e urgentissime proposte a sostegno degli agricoltori campani evidenziate al Presidente De Luca – hanno commentato all’unisono i cinque presidenti provinciali – ne vogliamo segnalare rapidamente alcune: per il sostegno al prodotto, è possibile avviare programmi di ritiro dal mercato a prezzo garantito, mente per la necessaria liquidità la Regione può velocizzare i pagamenti anche quelli bloccati dal 2017 e pagare gli anticipi 2020 al 70%. Sono certo De Luca non lascerà il nostro appello senza risposte e da quanto emerso nelle ultime ore dalle interlocuzioni avute con gli uffici regionali, per sbloccare i pagamenti delle domande in rettifica degli anni 2017/18/19 e d effettuare i saldi 2019 delle Misure del PSR M10, (Biologico) M11, (integrato) M 13 (indennità) e anche la M14, (Benessere Animale) siamo ottimisti sul fatto che a breve saranno effettuati i pagamenti. E siamo fiduciosi che si riesca anche con Agea a prevedere gli anticipi del 70% in modo semplificato di queste misure per l’anno 2020″.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu