PIEDIMONTE MATESE. Che spettacolo al “Ferrante”: Galesio stende il Fano (1 – 0) e fa partire la festa sugli spalti.

Emozioni a non finire al ‘Ferrante’. E peccato per coloro che non le hanno vissute dal vivo. Il Matese vince 1-0 al 93’ grazie alla rete dell’eterno bomber Luis Fabian Galesio che in zona Cesarini in uno stadio con centinaia di persone festanti che hanno fatto esplodere tutta la loro gioia quando il risultato di pareggio sembrava ormai in cassaforte per il Fano. I marchigiani non hanno demeritato ma i verdeoro hanno conquistato 3 punti fondamentali che li lanciano anche in classifica. Sesto risultato utile di fila per i ragazzi di mister Urbano. Obiettivo 3 punti anche domenica: si gioca in terra abruzzese col Castelnuovo Vomano.

PRIMO TEMPO. Il primo quarto d’ora è di studio per entrambe le formazioni: il Matese cerca di costruire, il Fano invece prova a fare male in ripartenza. Ma di tiri pericolosi nemmeno l’ombra. La porta la trova Ricciardi al 23’: il regista verdeoro recupera palla sulla trequarti, non ci pensa due volte e lascia partire un tiro che però Tzafestas blocca a terra senza problemi. Dopo 9 minuti l’azione pericolosissima per il Fano: Masi perde palla sulla linea di rimessa laterale, Tortori si lancia verso la porta, arriva al vertice dell’area e cerca il tiro a giro sul palo lontano ma è poco preciso e il risultato non si sblocca. L’ultima azione è della formazione marchigiana, al 45’ preciso l’arbitro manda le 2 squadre negli spogliatoi.

SECONDO TEMPO. Per trovare la prima azione della ripresa bisogna arrivare al minuto 54: punizione per il Matese, si libera Calemme che da lontanissimo, quasi all’altezza del vertice dell’area, anziché mettere al centro per i propri compagni prova il tiro diretto verso la porta ma non ha fortuna. Al 60’ doppia occasione per il Fano: corner di Scoppa a trovare Casolla all’altezza del dischetto di rigore, tiro al volo ma la difesa ‘stoppa’ la conclusione, il pallone torna sulla testa sempre di Casolla che prova a piazzarla ma Del Giudice non si lascia sorprendere e metto in angolo. Nella metà campo marchigiana Szyszka si mette in proprio lasciando partire un bel tiro che si perde di poco sulla traversa. Il difensore polacco si prende gli applausi dei presenti al ‘Ferrante’. Al 27’ della ripresa Herrera lancia Broso in velocità, è da solo e arriva a tu per tu con Del Giudice che compie un altro miracolo in uscita e nega il gol ai marchigiani. Il numero 1 verdeoro uno dei migliori dei suoi. A 7 minuti dalla fine doppia occasionissima per il Matese: Galesio prende spazio in area e un difensore colpisce con un braccio, per l’arbitro però non c’è nulla e concede solo angolo. Dal corner pallone sui piedi di Szyszka che colpisce al volo ma lo ferma Karkalis col volto e il gioco si ferma per i soccorsi. Al minuto 85 cross al bacio di Tribelli per Napoletano che anticipa anche Galesio e di testa ha l’occasione per gonfiare la rete ma va di pochissimo alto. All’ultimo assalto passa il Matese: corner di Ricciardi, Tzafestas sbaglia l’intervento, il pallone va sulla testa di Galesio che insacca al 93’ e regala tre punti di fondamentale importanza alla sua squadra. Finisce 1-0, dopo pochi secondi col triplice fischio dell’arbitro.

FC MATESE: Del Giudice, Szyszka, Setola, Masi (dal 26’ st Fabiano), Congiu, Albanese, Napoletano, Ricamato, Galesio, Ricciardi, Calemme (dal 23’ st Tribelli). A disp.: Martino, Riccio, Andreassi, Langellotti, Boiano, Iannetta, Crispino. All. Urbano

ALMA JUVENTUS FANO: Tzafestas, Tomassini, Del Rosso, Scoppa, Vavassori, Karkalis, Pensalfini, Trillò (dal 18’ st Herrera), Broso, Casolla, Tortori (dal 32’ st Varriale). A disp.: Olivieri, Palazzo, Manè, Riggioni, Faliveni, Czornomaz, Esposito, Varriale. All. Catalano

ARBITRO: Pietro Campazzo di Genova ASSISTENTI: Michele Desiderato e Giuseppe Rizzi di BarlettaMARCATORI: 48’ st Galesio (M)NOTE: Ammoniti Broso, Herrera (F). Recupero 0’ pt, 4’ st

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu