Caserta / Provincia. 1.300 capi di abbigliamento sequestrati dalla Finanza in diversi Comuni nel corso di varie attività donati ai profughi ucraini scappati dalla guerra.

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza Caserta, previa autorizzazione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha devoluto in beneficenza oltre 1.300 capi di abbigliamento, sequestrati nei Comuni della Provincia nel corso di varie attività di polizia giudiziaria poste in essere a contrasto del fenomeno della contraffazione. Si tratta di sciarpe, scarpe, maglioni, magliette, pantaloni, giacche e giubbotti di ottima fattura, nuovi e mai indossati prima, che grazie alla proficua sinergia instaurata tra il Corpo, l’Autorità Giudiziaria e le associazioni benefiche, anziché essere distrutti, saranno destinati a scopi umanitari. In particolare, i suddetti capi di abbigliamento, privati dei segni distintivi mendaci riconducibili ad alcune note griffe, sono stati affidati al “Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio”, ordine religioso impegnato in numerose iniziative benefiche, che li donerà, in segno di vicinanza e solidarietà, ai profughi ucraini particolarmente bisognosi di sostegno di ogni genere. L’iniziativa, che assume particolare significato alla luce dell’attuale emergenza umanitaria causata dal conflitto bellico, testimonia l’impegno delle istituzioni casertane anche a sostegno delle promozioni finalizzate a scopi umanitari.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu