PIEDIMONTE MATESE. Paventate chiusure o accorpamenti di Istituti Scolastici cittadini: le preoccupazioni di “Progetto Piedimonte”.

Il “Quartiere Vallata, quello che il sindaco però ha chiamato Quartiere giallo, annullandone con una sola parola la storia e l’identità”.

“Molti cittadini ci stanno interpellando, in queste ore, per comunicarci le loro preoccupazioni riguardo a paventate chiusure o accorpamenti di Istituti Scolastici cittadini. Noi riteniamo che in tutte le scelte amministrative e, ancor più, su una materia così importante per la vita della nostra comunità, occorra trasparenza e condivisione delle decisioni – la nota del gruppo consiliare “Progetto Piedimonte” del capogruppo Costantino Leuci.

Ben venga quindi l’incontro pubblico che si terrà domani, alle 15.30, presso il Comune, al quale l’assessore alla Pubblica Istruzione, dott.ssa Loredana Cerrone, ha invitato la dirigente, il personale e genitori della Scuola Ventriglia.

Ma perchè solo loro?

Si è già deciso qualcosa che li riguardi?

Noi di Progetto Piedimonte ci saremo e ascolteremo con grande attenzione quali sono gli intendimenti dell’Amministrazione in tema di programmazione dell’offerta scolastica cittadina, visto che in nessun altro contesto istituzionale sono stati espressi. Anzi, abbiamo chiesto al Consigliere Andrea Boggia, Presidente della Commissione consiliare competente, di convocare al più presto una riunione in proposito, nella quale ribadiremo che gli istituti scolastici fanno parte integrante della vita sociale, economica e culturale dei quartieri. Ne rappresentano l’identità, quella stessa che l’amministrazione ha celebrato qualche mese fa con grande enfasi e dispiego di risorse economiche, pagando somme elevate per portare in giro ospiti vip che nulla hanno a che fare con la nostra vera identità. A tal proposito, ci auguriamo di trovare all’incontro di domani, ad ascoltare ciò che si dirà sul futuro della loro scuola, anche i componenti del Comitato del Quartiere Vallata, quello che il sindaco però ha chiamato Quartiere giallo, annullandone con una sola parola la storia e l’identità – conclude la nota.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu