PIEDIMONTE MATESE / VILLATRICCA. La truffa sociale annunciata dell’autocostruzione assistita: ci scrive un lettore per segnalarci due progetti avviati nel 2001.

piedimonte matese cappello autocostruzioneBuongiorno, vi scrivo per segnalarvi una truffa annunciata: quella dei cantieri di autocostruzione assistita di Villaricca e Piedimonte Matese. I due progetti fanno parte di un “piano” avviato nel 2001 da Alisei Ong e denominato “Un tetto per tutti” con cui la Onlus milanese si è proposta a decine di amministrazioni pubbliche per gestire progetti di edilizia sociale in autocostruzione assistita. Questo un articolo dove si illustra il significato del termine e si da il resoconto dei cantieri avviati: http://matteo-equilibrio1.blogspot.com/2012/08/autocostruzione-edilizia-autorecupero.html

In Campania il piano ha cambiato nome, assumendo quello di “Cantieri aperti” ma con le stesse modalità, gli stessi personaggi e soprattutto gli stessi risultati: la truffa!
Carla Barbarella infatti, presidente di Alisei Coop che è la Onlus che gestisce questi progetti in provincia di Napoli e Caserta è stata vice presidente di Alisei Ong (almeno fino al 2006) e fino al 2012 è stata in società con Ottavio Tozzo, ex presidente di Alisei Ong, ma anche di Alisei Autocostruzioni Srl, Summa Srl e nel CdA di Sotto il Tetto, tutte società riconducibili alla truffa.

Questa l’inchiesta che fece nel 2012 il Corriere della Sera: http://www.corriere.it/inchieste/sogno-casa-autocostruita-l-ong-diventa-beffa-truffa/6f888e7c-12de-11e2-9375-5d5e6dfabc1a.shtml

Su questa vicenda è stata depositata un ainterrogazione in Senato quasi 2 anni fa, ad oggi senza risposte: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=17&id=719681

Questo ciò che ho scritto sul cantiere di Villaricca, su cui da mesi non si hanno più notizie (come d’altra parte quello di Piedimonte Matese) http://matteo-equilibrio1.blogspot.com/2015/07/villaricca-na-che-fine-ha-fatto.html

Cordiali saluti.
M.M.

One Comment
  1. La questione anomala delle o.n.g. (organizzazioni non governative) consiste che è divenuto un modo per farsi finanziare da tutti, anche dai “nemici”, proponendosi impegnate nella filantropia, ma poi condurre prioritariamente propaganda ideologica, perlopiù marxista… (Amnesty Int. e simili) o mistiche ecc… Questa tradizione si è avviata nel secondo dopoguerra seguendo i gruppi mistici nel farsi passare “no profit”, in scopo di finanziarsi le spese di esercizio con donazioni, ma divenuto poi un modo per apparire eticamente meritevoli e incassare tanto ma soprattutto da tutti, anche quelli che se consci delle attività reali, si asterrebbero dal contribuirvi. Il pioniere dell’ “incassa e dimentica” fu probabilmente Sun Myung Moon, il santone coreano che facendosi legalizzare “no profit” dappertutto a suon di avvocati, riuscì a deviare alle sue aziende, centinaia di milioni di dollari. In concreto le o.n.g. costituiscono una sorta di substrato dell’economia sociale, dove la regola è la propria sussistenza in carico alla demografia che produce risorse materiche “e che non ha tempo per dedicarsi in ideali più alti”. Questa epopea della truffa, la racconto nel mio libro autobiografico “Sun Myung Moon e la Sindrome del Piccolo Dio” acquistabile su Amazon o scaricabile gratis qui http://lasindromedelpiccolodio.blogspot.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.