BELLONA / TRIFLISCO. Caso llside, iniziati stamane i carotaggi: ancora piccoli focolai nell’ex sito di stoccaggio dei rifiuti.

Nello stabile ci sarebbero ancora 300 tonnellate di rifiuti non combusti.

Sono iniziate stamane, 12 gennaio 2018, le operazioni di carotaggio presso l’ex sito di stoccaggio di rifiuti dell’Ilside in località Ferranzano, così come disposte dalla Procura della Repubblica del Tribunale di S.Maria C.V. All’inizio dei lavori tecnici ancora fumarole, con diversi piccoli roghi nello spazio adiacente i capannoni industriali: nello stabile ci sarebbero ancora 300 tonnellate di rifiuti non combusti. Le prime ipotesi che sono state formulate è che a bruciare, stamane, sarebbero stati documenti cartacei presumibilmente sottratti negli uffici del sito. Al lavoro, quindi, il  Comitato cittadino Bellona/Triflisco, che ha immediatamente allertato i vigili del fuoco ed i carabinieri per i rilievi del caso. “Nella mattinata di oggi un sopralluogo delle Autorità presso il sito Ilside ha permesso di scoprire la presenza di un focolaio di incendio, che avrebbe interessato materiale cartaceo non meglio identificato nelle vicinanze di un capannone che rischiava di andare anch’esso a fuoco – hanno parlato dal Comitato. Intervenuti sul posto Carabinieri e Vigili del Fuoco. Risulta che l’incendio abbia interessato tre distinti cumuli di materiale. Si rammenta che con il dissequestro concesso a dicembre la Procura aveva imposto l’installazione di un impianto di videosorveglianza mai predisposto. Ecco gli effetti della mancata messa in sicurezza del sito, che si sta chiedendo a gola spiegata da sei mesi. Seguiranno aggiornamenti circa eventuali sviluppi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.