ALIFE / CAIAZZO / SANT’ANGELO D’ALIFE / RAVISCANINA / PRESENZANO / RIARDO. Maggiore affidabilità dagli ex amministratori: i cittadini hanno scelto l’ “usato sicuro” rispetto al nuovo “da provare”.

La visione della politica che viene fuori dagli scatoloni delle urne di domenica 10 giugno è totalmente diversa da quella del 4 marzo: partiti tradizionali messi da parte e spazio alle liste civiche ed aggregazioni che garantiscano affidabilità e governabilità indipendentemente dai colori di appartenenza (nella foto, la nuova squadra di amministratori ad Alife).

In una fase storica in cui la novità, l’auspicato “rinnovamento”, il “cambiamento”, rappresentano le nuove parole d’ordine della politica, “Terra di Lavoro” ha scelto invece di andare in controtendenza e di affidarsi ad amministratori di lungo corso, di comprovata esperienza, piuttosto che provare il “nuovo” e che, stando ai risultati ufficializzati, garantirebbero, in un momento storico particolare come quello che sta vivendo il paese Italia in questo momento, maggiore affidabilità. Basta guardare i risultati che vedono la elezione di Fusco a Riardo, di Giaquinto a Caiazzo, di Masiello a Raviscanina, della Di Tommaso ad Alife (nuova lei ma con tanti già ex amministratori in squadra), di Caporaso a Sant’Angelo d’Alife, di Maccarelli a Presenzano, stando agli enti chiamati al rinnovo dnell’Alto Casertano, ma anche di Ambrosca a Cancello Arnone, De Filippo a Maddaloni, come pure di Esposito a Lusciano, di Stellato a San Tammaro, sono la prova di come i cittadini abbiano scelto sindaci che già hanno amministrato, o comunque abbiano in squadra amministratori “rodati” sul campo, che già hanno dato prova di capacità amministrative dunque. La visione della politica che viene fuori dagli scatoloni delle urne di domenica 10 giugno è totalmente diversa da quella del 4 marzo (ultime elezioni politiche a livello nazionale): i partiti tradizionali sono stati messi da parte: spazio alle liste civiche ed alle aggregazioni che garantiscano affidabilità e governabilità indipendentemente dai colori di appartenenza.

 

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato né condiviso con terze parti. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori. *

menu
menu