ALIFE. “Il Castrato alifano”: l’ultimo attacco dell’assessore, e vice Sindaco, Emilio Del Giudice: preso di mira, stavolta, il collega di giunta, Angelo Giammatteo. Quando la politica perde la sua “mission” e si riduce ad attacchi personali.

alife il castrato alifano 600x300“Cari amici, ” – inizia il pubblico manifesto firmato dal vice Sindaco Del Giudice. Giammatteo non intende per il momento replicare, ma annuncia querele…

“…in tanti avete sollecitato una mia riflessione in merito alle ultime performances denigratorie del nostro famigerato “castrato” (chiaro il riferimento all’assessore, e coordinatore cittadino di Forza Italia, Angelo Giammatteo) – scrive l’assessore, e vice Sindaco Emilio Del Giudice, in una nota fata apparire or ora in città – e di certo non mi sottraggo. Come può definirsi ed identificarsi il “castrato”? Soccorre la consultazione di un qualsiasi vocabolario che, devo dire, ne fa una descrizione incredibilmente precisa, quasi che gli autori lo conoscano personalmente e direttamente. Castrato, si legge, è si l’agnello, vittima sacrificale pasquale, ma è anche sinonimo di persona inibita, inetta, bloccata nelle sue possibilità, senza carattere, fiacca. Incredibile! – continua Del Giudice – Avete mai letto una definizione migliore del nostro “castrato”? Sembra che i redattori di tutti i vocabolari  conoscano le qualità del nostro illuminato statista descrivendole minuziosamente. Tuttavia a ben guardare e a meglio considerare la su novella vocazione, una “qualità” ed una specificazione sicuramente manca. In nessun vocabolario è riportato che il castrato sia anche un impenitente bugiardo, un millantatore che mente sapendo di mentire! da qui il mio umile contributo. Ho compreso che il “castrato alifano”, rispetto al “castrato generico”, deve assurgere ad autonoma categoria, tanto da meritare una specificazione linguistica in modo da essere universalmente identificabile e qualificabile. Siatene certi amici, proporrò ai linguisti  ed ai redattori dei vocabolari della lingua italiana di coniare una nuova voce – conclude l’assessore – con la seguente descrizione “castrato alifano”: agnellino sacrificale, persone con velleità politiche benchè inetta, inibita, priva di carattere e votata essenzialmente alla invettiva e alla menzogna gratuita”. 

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu