ALIFE. Invito alla adozione di iniziative per l’emergenza alimentare coronavirus: ecco l’istanza del gruppo “L’Elefante”.

Le proposte: stanziare una adeguata somma da erogare alle persone in difficoltà per l’acquisto di buoni spesa alimentari e buoni farmaceutici straordinari.

“Il sottoscritto Avv. Vincenzo Guadagno, nella qualità capogruppo di minoranza del gruppo consiliare “L’Elefante – C’è un’altra Alife”, e Presidente dell’Associazione “Il Laboratorio dell’Elefante”, in accordo con i componenti della predetta associazione premesso che in data 22.3.2020 abbiamo inviato una istanza corredata di proposte relative alla situazione di emergenza straordinaria che stiamo vivendo a causa della diffusione del coronavirus; fermo restando le succitate proposte relative a:
1) Sospensione dei tributi locali fino al 30 giugno 2020;
2) acquisto di mascherine protettive da fornire alla nostra Asl, e a tutti i cittadini alifani;
3) acquisto di un ventilatore polmonare da donare al nostro nosocomio di riferimento;
4) individuazione, di locali comunali per la quarantena obbligatoria per evitare il dilagare di un eventuale contagio;
5) predisposizione di un foglio illustrativo con i numeri di telefono da distribuire alle persone in difficoltà, a cui l’Amministrazione comunale sta potrà dare risposta;
la nota situazione di eccezionalità che stiamo vivendo sta gravando su tutti i cittadini, e, in particolare, nei confronti di coloro che hanno dovuto sospendere la loro attività lavorativa (esercenti di attività commerciali, lavoratori autonomi, braccianti agricoli, artigiani ecc.); sussistono situazioni pregresse di difficoltà economica per molte famiglie che non hanno mezzi di sostentamento e che con l’attuale situazione si stanno ulteriormente aggravando; si potrebbe configurare una situazione di emergenza alimentare, poiché non sono disponibili, in molti nuclei familiari, le somme necessarie per l’acquisto di viveri per la sopravvivenza; ben vengano le encomiabili azioni di solidarietà di molti commercianti e imprenditori che stanno aiutando la comunità; si evidenzia la necessità di non lasciare solo nessuno; in questa eccezionale situazione in qualità di amministratori comunali abbiamo l’obbligo di intervenire ponendo in essere azioni concrete; Tanto premesso il sottoscritto, nel sottolineare nuovamente spirito costruttivo, essendo necessaria in questa situazione unità di intenti e collaborazione tra tutti i cittadini e, ancor di più, tra chi ha responsabilità in ordine alla gestione della cosa pubblica, INVITA Il Sindaco di Alife e l’Amministrazione Comunale tutta a prendere in considerazione le seguenti ulteriori proposte, in aggiunta a quelle formulate con l’istanza del 22.3.2019:
1) a stanziare una adeguata somma da erogare per l’acquisto di buoni spesa alimentari
2) a stanziare una adeguata somma da erogare per l’acquisto di buoni farmaceutici straordinari.
al fine di sostenere le persone in difficoltà in questo frangente di emergenza sanitaria ed economica. I requisiti e le modalità di presentazione di una eventuale domanda potrebbero basarsi sulla comprovata condizione di contingente indigenza economica derivata dalla momentanea sospensione dello stipendio o dell’attività lavorativa per l’emergenza Covid-19 o di pregresse situazioni di indigenza economica”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu