ALIFE / Verso le Politiche 2018. Lavori alla condotta idrica, Del Gaudio chiama la Regione alle sue responsabilità: “in due anni solo interventi tampone col placet della maggioranza che oggi vorrebbe fare incetta di voti con il figlio di De Luca”.

“Quattro giorni senz’acqua: un’assurdità tutta casertana per la quale i residenti dei comuni matesini devono ringraziare il presidente De Luca e i suoi accoliti”. Sbotta l’ex sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio, oggi candidato alla Camera dei Deputati, anche in una posizione utile, nel listino bloccato di Forza Italia. “Tutti conoscono il mio legame fortissimo con l’alto casertano e non posso sopportare che colleghi amministratori vengano presi in giro dalla Regione e da chi la rappresenta politicamente sul territorio con comportamenti del genere, i sindaci lo sanno che gli interventi tampone messi in atto comportano costi superiori a quelli che sarebbero necessari se si affrontasse in maniera risolutiva la questione. Ad occhio e croce, solo per lo smaltimento dei rifiuti che si producono ogni qual volta si interviene, si spendono circa settemila euro. Chi ci guadagna? Certamente non i cittadini, che sono costretti a subire ciclicamente disagi da terzo mondo. Cosa hanno fatto i consiglieri regionali di maggioranza per affrontare questo problema in due anni? Nulla. E’ giusto che i cittadini lo sappiano e che si regolino di conseguenza oggi che girano con il figlio del loro presidente per chiedere voti e rappresentare quella comunità anche a Roma”.

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato né condiviso con terze parti. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori. *

menu
menu