ALIFE / PIEDIMONTE MATESE. Ricette mediche bianche senza codice fiscale, irruzione dei NAS negli studi: sanzioni a medici e farmacie.

Sanzione pecuniaria di 600 euro a prescrizione per i medici e 1.800 euro per la farmacia. Ricorsi agli Ordini provinciali dei Medici per ipotetica violazione, in alcuni specifici casi, dell’obbligo della privacy.

Medici specialisti ma anche medici di base avrebbero emesso ricette bianche senza l’obbligatoria indicazione, sulla prescrizione stessa, del codice fiscale del paziente: irrompono negli studi i NAS, carabinieri del nucleo antisofisticazione, e multati specialisti ma anche le farmacie per mancato controllo.

La ricetta bianca è quella prescrizione medica che viene emessa da un medico privato, non convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, quindi non autorizzato all’utilizzo della cosiddetta ricetta rossa. Sono, di fatto, le ricette prodotte dai medici specialisti, e la cui spesa è interamente a carico del paziente e non del servizio pubblico.

Nel caso di specie, ed oggetto di questa accurata verifica che ha riguardato medici di tutta la Regione Campania ed, in questi giorni in particolare quelli di Alife e Piedimonte Matese, sono stati non solo i medici specialisti ma anche i medici mutualisti. Entrambi, con questa omissione, hanno subito una sanzione pecuniaria di ben 600 euro a prescrizione, mentre la farmacia per mancato controllo si è vista notificare sanzione che sfiora i 1.800 euro a ricetta.

I medici già preannunziano ricorsi agli Ordini provinciali dei Medici: alla base della loro istanza la ipotetica violazione, in alcuni specifici casi, dell’obbligo della privacy.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu