BELLONA. Legge Fornero dichiarata incostituzioanle, in città si ricorre: pratiche affidata alla locale sede del Codacons.

forneroIl Codacons di Bellona ha attivato un servizio di messa in mora da inviare entro il 31 dicembre 2016.

La Legge Fornero emanata non nel poi tanto lontano anno 2011 è stata difatto dichiarata incostituzionale: la norma ha bloccato la perequazione sulle pensioni per il biennio 2012-2013, togliendo così ai pensionati per sempre il 5-6 % della pensione. MA come si è comportato conseguenzialmente il Governo?  Con un Decreto Legge del 2015 ha introdotto una rivalutazione graduale, riconoscendo solo ad alcuni, il diritto alla rivalutazione monetaria con un riconoscimento una tantum degli arretrati sulla pensione da agosto 2015. Ma se alcuni pensionati hanno ottenuto un rimborso minimo, che andava dal 2% all’8%, per altri non si è visto un euro di aumento. E mentre allo stato attuale è in corso un altro ricorso per incostituzionalità dinanzi la Suprema Corte, il Codacons di Bellona ha attivato un servizio di messa in mora da inviare entro il 31 dicembre 2016. L’invio di tale lettera è necessario per evitare la prescrizione estintiva del diritto di vedersi riconosciuto, oltre agli arretrati, anche la consequenziale rivalutazione ed adeguamento pensionistico al caro vita. La sede del Codacons di Bellona che si sta interessando alla vicenda si trova in via Pirandello ed è a disposizione dei cittadini interessati per chiarimenti e assistenza legale.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu