CAIANELLO / TELESE TERME. Maxi appalto “Telesina”, il Consiglio accoglie il ricorso del Consorzio Medil: ora pronti per i lavori.

390 milioni di euro l’appalto: la Suprema Corte da ragione al Consorzio Medil contro i primi due classificati, RTI De Sanctis e RTI Ghella.

Il Consorzio Medil verso l’aggiudicazione definitiva dell’appalto per i lavori lungo la strada statale 372 denominata “Telesina”: previsti gli interventi di adeguamento a 4 corsie dell’importante arteria per un importo complessivo a base di asta superiore ai 390 milioni di euro. Il Consiglio di Stato ha pure accolto i motivi del ricorso, presentato dal Consorzio sannita, contro i primi due classificati (RTI De Sanctis e RTI Ghella), ed ha escluso dalla procedura Ghella per aver inserito varianti tecniche non ammesse. I giudici hanno ora trasmesso tutta la documentazione all’Anas (proprietario della strada essendo statale) per la valutazione dell’affidabilità di De Sanctis in merito alla documentazione presentata in gara e sull’eventuale omessa dichiarazione per un illecito professionale con conseguenti misure di amministrazione giudiziaria. Il Consiglio di Stato ha nominato un verificatore per valutare la legittimità su una soluzione progettuale proposta da Medil e richiesto integrazioni per meglio precisare il motivo del ricorso contro De Sanctis e Ghella nei riguardi dell’indicazione dei progettisti.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu