CAIAZZO. Monte Carmignano, il sindaco Giaquinto consegna copia del dossier stragi nazi-fasciste.

Il documento sarà conservato dall’Associazione Storica del Caiatino. Una due giorni per non dimenticare

In occasione del 75° anniversario dell’eccidio di Monte Carmignano e in particolare dell’incontro-dibattito “L’Italia, la Germania e il futuro dell’Europa” di venerdì 12 ottobre presso il Piccolo Teatro Jovinelli presso Palazzo Mazziotti, il sindaco di Caiazzo Stefano Giaquinto consegnerà all’Associazione Storica del Caiatino la copia del dossier depositato presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sull’occultamento dei fascicoli relativi alle stragi nazi-fasciste in Italia. A trasmettere al primo cittadino il fascicolo fu nel 2005 il senatore Luigi Marino perché venisse conservato “nelle forme dovute e, comunque, ritenute più idonee in omaggio alla Memoria delle vittime”. Dopo tredici anni, l’Amministrazione comunale ha deciso di darne la massima diffusione e, in considerazione dell’attività di ricerca svolta dall’Associazione storica, di affidare anche ad essa la custodia di questa documentazione. Si tratta di un gesto simbolico afferma la fascia tricolore Giaquinto – per ribadire che la memoria di simili tragedie è un diritto, ma anche un dovere di tutta la comunità. All’Associazione storica, che ha seguito le vicende processuali in Italia e in Germania, riteniamo vada riconosciuto il compito di custodire la documentazione archivistica”. Nel corso del convegno sarà presentato anche il saggio “Tra memoria e oblio, l’eccidio di Caiazzo” a cura di Nicola Sorbo. La commemorazione, a 75 anni dall’Eccidio, proseguirà sabato 13 ottobre alle ore 10 al cimitero comunale per la deposizione della corona d’alloro presso il Sacrario delle Vittime di Monte Carmignano e alle ore 15:30 con la funzione religiosa che sarà celebrata nella “Cappella Santa Maria del Soccorso”, parte integrante del patrimonio delle Opere Pie Riunite,al cui Consiglio di Amministrazione conclude Giaquinto – va il nostro ringraziamento. Grazie anche alla famiglia D’Aversa il più sentito e profondo grazie per l’impegno e la disponibilità”.

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu