CAPRIATI AL VOLTURNO. “In ogni cammino di conversione e di apostolato, c’è sempre un mondo inedito con il quale Dio parla agli uomini”: si rinnova in città la venerazione in San Rocco.

“Oltre al bastone non prendete nulla per il viaggio, né pane, né bisaccia, né denaro nella borsa…

di Fratel Costantino De Bellis

La vocazione? E’ una storia d’amore!
Parlare della propria chiamata non è cosa facile, anzi è a dir poco impossibile. In questi 18 anni di cammino sulle orme di San Rocco, ho incontrato centinaia di fratelli, comunità, ed ho portato sempre con gioia e discrezione il Vangelo della carità e la testimonianza delle virtù di San Rocco. Vocazione è innamorarsi di una persona speciale, Gesù, e cercare di imitarlo e di assomigliargli il più possibile, seguendo l’esempio glorioso dei Santi, nel mio caso di San Rocco, il pellegrino della carità. La mia vocazione è nata come nasce un amore. La storia della mia chiamata è cominciata, quando ero già grande, avevo 25 anni, proprio all’ombra di San Rocco, il Santo della mia città di origine: Stornara FG.
Come ogni giovane pensavo alla carriera, al successo e al divertimento, ma tutto ciò non mi ha mai dato una pienezza di vita. Avendo approfondito la vita del Pellegrino di Dio, con l’aiuto spirituale di mons. Manlio Achilli di Voghera, mi si aprivano orizzonti nuovi, e così mentre da una parte pensavo a consolidare il mio rapporto con Gesù, dall’altra scoprivo giorno per giorno il carisma di un “pellegrino del XIV secolo” Rocco di Montpellier, il cavaliere della carità come i testi e le preghiere a lui dedicate lo definiscono. Con il suo amore per Cristo, per Maria, per la Chiesa, per il Papa, per i deboli e gli ultimi mi avevano conquistato e decisi di seguirlo per essere anch’io discepolo di Gesù. Da allora di anno in anno ho cercato con l’aiuto dei miei formatori e padri spirituali, mons. Manlio Achilli e poi mons. Filippo Tucci, di dare forma e vita al mio sogno. Nella preghiera ho chiesto l’illuminazione e la vicinanza a Gesù affinché non mi scoraggiassi nelle difficoltà; ho implorato San Rocco affinché mi facesse capire se mi volesse come suo seguace ed amico. In questi sedici anni non sono mancate certo le delusioni, i momenti di sconforto, i giudizi, le accuse e le cadute, soprattutto da chi credevo amici, ma ciò che sempre mi ha fatto andare avanti e non demordere dal mio proposito iniziale sono state le parole di Gesù dette agli apostoli nel momento in cui affidava loro la missione di evangelizzare: “Oltre al bastone non prendete nulla per il viaggio, né pane, né bisaccia, né denaro nella borsa; ma calzati solo i sandali, non indossate due tuniche. Se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene, scuotete la polvere di sotto i vostri piedi, a testimonianza per loro”. Queste parole si commentano da sole e dovrebbero far riflettere quanti si professano cristiani, ma nel loro cuore covano calunnia e maldicenza. E poi non per ultimo il Signore ha voluto mettere sulla mia strada il compianto vescovo di Caserta S.E. Mons. pietro Farina il quale da buon padre mi a guidato per 12 anni e mi ha fatto crescere spiritualmente dando il riconoscimento ecclesiastico con decreto vescovile il 26 maggio 2013 all’Associazione Europea Amici di San Rocco . Molti Vescovi mi sono stati vicini con la loro benedizione ed incoraggiamento ad andare avanti, ripetendomi spesso che se il Signore mi ha chiamato, come strumento del suo amore, nella diffusione della vita esemplare di San Rocco, io devo andare avanti nonostante tutto, perché se è vero che operare tra la gente e nel mondo è sempre difficile, quando però si è guidati dal progetto di Dio, non c’è da avere timore. Una cosa però, penso di aver compreso bene: rischiare la vita per Cristo vale proprio la pena! Per cui, se Lui dovesse bussare alla porta del vostro cuore vi invito a non essere sordi ma ad aprirvi all’incontro che dà vero valore alla vita. Non abbiate timore di remare contro corrente se ciò porta a Cristo, di amare più che odiare, di perdonare piuttosto che condannare. Dobbiamo essere sempre testimoni dell’amore che Gesù ha per ciascuno di noi, un amore che sgorga dalla Croce che ha il suo perfetto compimento nella risurrezione.

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato né condiviso con terze parti. I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori. *

menu
menu