Caserta / Provincia. Attivo Regionale UGL, il segretario Palumbo: “l’Agroalimentare come rilancio economico”.

“Caserta è il crocevia dell’Agroindustria… accendere un riflettore sulle problematiche campane, un settore sempre un po’ discriminato ma che invece rappresenta per il sud Italia un rilancio economico importante”.

Nel pomeriggio di ieri, nella sede provinciale casertana in via Vivaldi, si è svolto l’attivo Regionale Ugl Agroalimentare convocato dal Segretario Regionale Maurizio Figlioli e che ha visto la partecipazione e l’interesse di una folta presenza di astanti. Al tavolo dei lavori si è avuta la presenza e l’intervento del segretario nazionale Paolo Mattei e l’intervento del segretario provinciale Ciro De Vita che ha posto l’accento sulle vertenze territoriali. A fare gli onori di casa, il segretario Ugl Caserta Ferdinando Palumbo. Il segretario nazionale ha risposto a tutte le domande e anche alle critiche che la folta platea gli ha rivolto in modo schietto e trasparente come la Sigla sindacale da lui rappresentata impone. Soddisfatti i presenti che si sono cimentati in discussioni di alto spessore per la risoluzione di problemi che attanagliano il comparto agroalimentare campano. Erano anni che un incontro tanto schietto, a tutto tondo, non avesse luogo sul territorio di Terra di Lavoro e la nuova squadra UGL Caserta sta lavorando per dare nuova linfa e speranza ai lavoratori iscritti. Palumbo: “Caserta è il crocevia dell’Agroindustria. Ci ho tenuto a portare questo importante evento a Caserta per accendere un riflettore sulle problematiche campane, un settore sempre un po’ discriminato ma che invece rappresenta per il sud Italia un rilancio economico importante. Siamo sempre a fianco dei lavoratori e all’industria Agroalimentare campana ed a favore della crescita e il riconoscimento dei prodotti locali”. La segreteria targata Palumbo è attiva più che mai e sta lavorando per portare la nuova UGL al massimo delle possibilità con energia e professionalità nell’interesse del territorio.

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu