Caserta / Provincia. Diagnosi e presa in carico persone con disabilità in età evolutiva: Oliviero chiede un decreto di rettifica per le Linee Guida.

“Le strutture e le metodologie utilizzate in provincia di Caserta, ponevano il nostro Territorio all’avanguardia in un settore così delicato quale il socio-sanitario”.

Dal Consiglio Regionale della Campania (VII Commissione Consiliare Permanente – Ambiente – Energia – Protezione Civile) il presidente on. Gennaro Oliviero ha chiesto formalmente al Governatore e Commissario ad acta per la Sanità, De Luca un decreto di rettifica per le Linee Guida su diagnosi e presa in carico persone con disabilità in età evolutiva. “La recente pubblicazione del Decreto Commissariale per la Sanità, n. 31/2019, sulle Linee di Indirizzo per diagnosi e presa in carico della persona con disabilità intellettiva in età evolutiva, rappresenta un passo indietro per il settore in Terra di Lavoro – esordisce così il Presidente della Commissione Ambiente, nonché Consigliere regionale del PD, Gennaro Oliviero. Le strutture e le metodologie utilizzate in provincia di Caserta, ponevano il nostro Territorio all’avanguardia in un settore così delicato quale il socio-sanitario. Lo stesso Governatore partecipò, nel febbraio 2016, alla manifestazione che dava il via alla sperimentazione del Metodo ABA per i nostri bambini e ragazzi autistici”. “A distanza di tre anni, i risultati raggiunti dal punto di vista medico sono stati a dir poco lusinghieri – aggiunge – con la presa in carico di circa cinquecento pazienti minorenni che hanno intrapreso un percorso di crescita e di inclusione pienamente confacente alle loro esigenze particolari. Tuttavia, queste nuove Linee Guida, tendono a generalizzare e uniformare le possibilità d’intervento, senza tenere in alcuna considerano questa eccellenza medica, oltre al diverso stadio di operatività esistente nelle altre Aziende Sanitarie Locali della Campania, finendo con il vanificare quanto fatto di buono sinora. In pratica, si cerca un’armonizzazione operativa che, in realtà, si traduce in piccoli progressi per le altre province e in un regresso per noi casertani”. “Sono certo che il Presidente De Luca, andrà a modificare e integrare il suo recente Decreto nella veste di Commissario ad acta per la Sanità, per tenere nella giusta considerazione i progressi fatti a Caserta. A chiederlo. insieme a me, sono anche cinquecento voci di fanciulli autistici che hanno bisogno di un serio intervento di aiuto – le parole conclusive di Gennaro Oliviero.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu