Caserta / Provincia. “L’ordine al Sud e la confusione al Nord”: De Luca promuove il modello Campania. IL VIDEO.

“Dal 25 partiremo con centri termali, con gli zoo e con l’attività da diporto per i campani. Stiamo valutando l’apertura delle spiagge, mentre resta bloccata la movida”.

“In questa settimana ci siamo mossi secondo il modello Campania in maniera ordinata e semplice. E’ sembrato che si sia ribaltato il rapporto tra Sud e Nord: l’ordine al Sud e la confusione al Nord. Noi dovevamo decidere una settimana fa quale istituzione dovesse certificare lo stato dell’epidemia, se toccava allo stato o le venti Regioni. Per noi doveva essere il ministero a certificarlo. La Regione ha difeso il ruolo del ministero e dello Stato centrale, mentre il governo ha fatto l’inverso: è paradossale, ma è così. Per noi in due campi c’è bisogna dell’unità nazionale: scuola e sanità. Abbiamo deciso di prenderci quattro giorni di tempo per consentire ai ristoratori di adeguarsi alle linee guida. Assurdo aprire lunedì con le linee guida che arrivano la domenica sera. Noi siamo gli unici ad aver mantenuto una linea di governo. Sostegno e rispetto per il governo: ma su alcune questioni il governo ci deve rispondere in maniera chiara. Sulle zone rosse le misure di ristoro economico del governo devono riguardare anche quelle decise dalla regione Campania. Noi dobbiamo avere poi 240 milioni di euro incamerati illegittimamente dal ministero alcuni anni fa. Irresponsabile tenere bloccati questi soldi. La sburocratizzazione annunciata cozza con il blocco dei soldi della nostra regione. Chiediamo più soldi per la sanità visto che percepiamo 45 euro in meno rispetto alle altre regioni. Per sburocratizzare c’è bisogno di eliminare il reato di abuso in atto di ufficio. Con questa legge un dirigente non firmerà più nulla. Questa legge è per la casta perché vale solo per gli amministratori locali e non per i parlamentari e i ministri. Chi ha saltato in piazza per dieci anni non ha fatto nulla per eliminare questo privilegio. Quanto al concorsone della Regione tra giugno e luglio circa tremila giovani cominceranno a lavorare presso gli enti pubblici. Questo è un altro miracolo campano. Appena possibile poi faremo una nuova prova per altri 3mila giovani. Nei prossimi due mesi l’Eav assumerà altri duecento giovani. Stiamo lavorando su un piano di utilizzo del demanio regionale per altre quattromila persone. Dal 25 partiremo con centri termali, con gli zoo e con l’attività da diporto per i campani. Stiamo valutando l’apertura delle spiagge, mentre resta bloccata la movida. Nessuno pensi tornare alla normalità significa tornare a quello che facevamo prima”. De Luca lancia l’operazione cafoni zero nell’ambito della promozione della Campania per avere un divertimento che non sia grottesco come spesso è successo in passato. Inoltre con il brand Campania Sicura il governatore lancerà la campagna per il turismo. Non è possibile organizzare feste a casa. Il governatore chiede alle forze dell’ordine di pubblicare l’elenco delle sanzioni delle persone che non indossano la mascherina. De Luca chiede poi di rispettare le regole per arrivare a contagi zero. “Quando prendiamo delle decisioni lo facciamo per tutelare la vita dei nostri cari. Siate responsabili”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu