Caserta / Provincia. Patenti di guida false vendute fino a 3.500 euro: indagati 4 avvocati del foro di S. Maria C.V.

I legali utilizzano marche i cui supporti, provenienti dalla Cina, venivano personalizzati gli importi pagati dai candidati all’esame.

Legali del foro di Santa Maria Capua Vetere, già noti alle forze dell’ordine e presunti fiancheggiatori del sistema, avrebbero falsato documenti personali, nello specifico patenti di guida.  Un gruppo di 4 avvocati, difatti, riusciva a vendere patenti false di guida ad un corrispettivo, ovviamente in nero, compreso tra i 3 ed i 3.500 euro, 2mila quelle nautiche, millantando delle aderenze alla Motorizzazione di Roma/Laurentina. A scoprire il tutto i carabinieri del comando Antisofisticazione Monetaria di Roma, coordinati dalla Procura di Napoli Nord, che hanno provveduto a notificar nei confronti di 12 persone 4 arresti domiciliari, 4 obblighi di dimora con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e 4 divieti di esercizio dell’attività professionale da 6 mesi a un anno. La banda di falsificatori operava tra Giugliano in Campania, Casal di Principe e San Giorgio a Cremano. Ai concorrenti all’esame da guida veniva informato che i loro esami teorici sarebbero stati sostenuti e superati da altre persone mentre per la prova pratica, organizzata appositamente nei pressi della Motorizzazione di Roma, sarebbe stata garantita grazie a un ingegnere loro complice. Indagati quattro avvocati che utilizzano le marche i cui supporti, da personalizzare con gli importi, provenivano dalla Cina. Gli indagati vivono a Roma, Afragola, Cisterna di Latina e Giugliano in Campania.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu