Caserta / Provincia. Pompe di benzina bianche “No Logo”, irregolari 15 su 19: blitz della Finanza, errata taratura, due sotto sequestro.

Il prodotto, di dubbia provenienza e qualità, sarebbe stato commercializzato “in nero”, realizzando un’elevata evasione d’imposta.

Sono le cosiddette “pompe bianche”, quelle del “No Logo” che non dipendono dal circuito delle compagnie nazionali ed internazionali di distribuzione del carburante. Ne sono state scovate irregolari ben 15 sulle 19 in funzionamento nella provincia di Caserta, dopo gli accurati controlli disposti dalla Guardia di Finanza di Caserta. Nella quasi totalità degli impianti controllati, oltre all‘errata taratura, in servizio lavoratori in nero e perfino slot non collegate alla rete telematica dei Monopoli di Stato, quindi prive del nulla osta, è stata accertata la mancata corrispondenza del prodotto presente nelle cisterne rispetto a quanto indicato nei registri di carico e scarico: in particolare, una eccedenza di gasolio per oltre 18 mila litri, un’eccedenza di benzina per circa 3 mila litri e di gpl per circa 1.500 Kg. In altri casi il prodotto era addirittura mancante. Inoltre, due di questi impianti sono stati sequestrati, di cui uno privo di regolare certificato di prevenzione incendi, l’altro poichè operava senza gli obbligatori registri di movimentazione dei carburanti commercializzati.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu