Caserta / Provincia. Si apre la corsa alle Regionali della prossima primavera, De Luca pensa a 4 liste civiche: le conferme ed i volti nuovi.

Palmeri, Zinzi, Graziano, Grimaldi, Oliviero, Caputo, D’Anna, Bosco, Piscitelli, Zannini, Borrelli, Riello, Caterino, Zullo, Telese, Antonucci,…

Nel 2020 ci saranno le elezioni amministrative per il rinnovo del parlamentino regionale e già tutte le forze politiche sono al lavoro per preparare programmi, ma soprattutto candidati. In entrambi gli schieramenti si intrecciano posizioni e persone, per presentarsi al meglio all’appuntamento elettorale. Nel centro sinistra De Luca, governatore uscente, punta ad una sua conferma come leader incontrastato del centro sinistra, e per questa sta costruendo addirittura 4 liste civiche al suo fianco, oltre ai consueti partiti, ma sono diverse le posizioni che potrebbero infastidire la sua leadership: non da escludere quella del sindaco di Napoli De Magistris. Nel centro destra un nome su tutti è quello dell’esponente forzista Mara Carfagna, forte del’esperienza da consigliera di opposizione al Comune di Napoli ma soprattutto dell’appoggio dell’ex premier Silvio Berlusconi. Potrebbe essere incalzata dal sindaco di Benevento Clemente Mastella, che proprio in queste ore sta costruendo circoli in tutti i Comuni della Campania a sostegno della sua candidatura a governatore. Venendo ai singoli, pare certa la conferma degli uscenti Stefano Graziano e Gennaro Oliviero del Pd, così come quella di Massimo Grimaldi con Forza Italia e Vincenzo Viglione del M5S. Rimanendo nel Pd un’ incognita la decisione di Nicola Caputo, più votato della provincia di Caserta alle ultime europee ma comunque fuori dal Parlamento: dopo la nascita del movimento SeiSud (le sei regioni del mezzogiorno d’italia) cosa farà il politico di Teverola? E la fresca di nomina responsabile nazionale scuola del Pd, la ex deputata sammaritana Camilla Sgambato? La moglie del noto penalista Giuseppe Stellato sarebbe in corsa per una candidatura a palazzo Santa Lucia. Il consigliere comunale di Caserta Pasquale Antonucci potrebbe correre sotto le insegne della lista De Luca presidente grazie ad un accordo trovato con l’assessore regionale Sonia Palmeri. Ma cosa farà l’attuale assessore al lavoro, dopo la sua nomina a componente dell’esecutivo regionale pur non essendo stata eletta? Ancora deve definire le sue scelte Gianpiero Zinzi, che da Forza Italia e forte delle oltre 21mila preferenza della volta scorsa certamente troverà un partito o una lista civica di centro destra pronta ad accoglierlo. Da Casapulla Luigi Bosco che è pronto a lasciare Campania libera e ad accasarsi nel Pd, ma anche l’avvocato Giovanni Zannini ed il medico Alfonso Piscitelli potrebbero lasciare la collocazione nella lista di cinque anni fa, e decidere dove correre ed in quale schieramento farlo, dal momento che hanno dialoghi aperti in entrambe le coalizioni. Lavora per una candidatura anche il consigliere provinciale di San Prisco Francesco Paolino, vicecoordinatore azzurro, lui che ha lanciato la campagna di Clemente Mastella per la presidenza della Regione. Sempre in Forza Italia anche il vicesindaco di Maddaloni Luigi Bove, fedelissimo del presidente della Provincia Giorgio Magliocca. In corsa Giuseppe Guida, consigliere ad Arienzo e presidente dell’Agis. Forte dell’appoggio dell’amministrazione di Casaluce, poi, punterà il grande salto anche l’ex sindaco e oggi consigliere della giunta di Antonio Tatone Rany Pagano che ha già sfiorato la candidatura al parlamento nel 2018. Scenderà in campo, invece, con la Lega l’ex assessore alle Attività produttive del Comune di Caserta Emilio Caterino. E tra le donne in campo un’altra aversana come l’avvocato Carmen D’Angelo, coordinatore cittadino del Carroccio. Pronta anche Katia Zullo di Sant’Arpino che già la volta scorsa, nel 2015, si è candidata in Alternativa popolare Nuovo centrodestra ben figurando. In cerca di rivincite anche l’ex sindaco di San Felice a Cancello Emilio Nuzzo che, dopo essere rimasto clamorosamente fuori dalla campagna per le amministrative del suo paese, potrebbe rimettersi in gioco proprio il prossimo anno in una lista di centrodestra. Scalda i muscoli l’ex vicesindaco di Aversa Federica Turco, fuori dal consiglio comunale per la sconfitta del candidato sindaco Gianluca Golia. Corsa alle regionali che tenta anche l’ex sindaco di Santa Maria a Vico Adriano Telese, dopo la candidatura al parlamento con la lista Insieme dopo l’esperienza nel 2005 sotto le insegne dell’Udeur. Della partita regionale potrebbe essere anche l’ex senatore Vincenzo D’Anna, al lavoro con l’ex consigliere comunale di Napoli Emilio Montemarano per una lista civica. Molto attivo è anche Francesco Borrelli, uscente dei Verdi, che sta costruendo una lista per ottenere almeno un seggio. Il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Gimmi Cangiano, invece, sta lavorando per ottenere la candidatura a presidente del centrodestra per l’ex presidente della Provincia di Salerno Edmondo Cirielli. Pronto a scendere in campo potrebbe essere l’ex sindaco di Castel Morrone Pietro Riello, dopo l’esperienza al Comune di Caserta.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu