Castel San Vincenzo / Cerro al Volturno. Nuova operazione a salvaguardia del patrimonio paesaggistico: scoperto scavo di sbancamento nei pressi di un’abitazione privata.

Lo scavo era lungo oltre 12 metri e della profondità di circa 3 metri per posizionare un tubo di raccolta delle acque di ristagno, il tutto in assenza di qualsiasi autorizzazione edilizia.

Dall’inizio di quest’anno i Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia hanno avviato una serie di mirati servizi finalizzati al contrasto dell’abusivismo edilizio e alla salvaguardia del patrimonio paesaggistico, in tutto il territorio della provincia “pentra”, ritenuta zona particolarmente sensibile sotto il profilo ambientale. Alle nove persone già denunciate alla competente Autorità Giudiziaria poiché sorpresi a realizzare fabbricati in assenza delle prescritte concessioni edilizie e in luoghi sottoposti a vincolo paesaggistico e a rischio sismico, nelle ultime ore se né aggiunta un’altra che aveva realizzato uno scavo di sbancamento lungo oltre dodici metri e della profondità di circa tre metri per posizionare un tubo di raccolta delle acque di ristagno, il tutto in assenza di qualsiasi autorizzazione edilizia. Quest’ultima operazione antiabusivismo, come altre già avvenute di recente, è stata condotta dai Carabinieri della Stazione di Castel San Vincenzo, che hanno scoperto l’opera abusiva in una frazione del comune di Cerro al Volturno.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu