De Girolamo: “Ero, sono e sarò legata a Berlusconi”. Il Ministro sannita chiarisce la sua posizione dopo la spaccatura del gruppo Pdl. Presto l’esercito in Campania per la questione rifiuti.

0dff498a-122d-4be1-983b-ab5e974109fb_small_131002-164605_bast021013pol_0616

Con Alfano e Mauro stiamo valutando l’arrivo dell’esercito in Campania, ma non per militarizzarla ma per perimetrare e circoscrivere il pericolo. Devo evitare speculazioni, individuare le zone ‘no food’ e garantire il ‘Made in Campania”.

Non ha perso tempo il Ministro delle politiche agricole, la sannita Nunzia De Girolamo, a riunire i rappresentanti territoriali del nuovo gruppo costituito al Parlamento, Nuovo Centro Destra dell’ex delfino di Berlusconi, Angelino Alfano, dopo la spaccatura del Pdl e la nascita della nuova Forza Italia.   La De Girolamo, nonostante abbia aderito al NCD, si dichiara legata a Silvio: “Ero, sono e sarò legata a Berlusconi. I rapporti umani non verranno compromessi a causa di motivi politici.  Non abbiamo nulla a che fare con una classe dirigente che vuole usare estremismi che non appartengono alla nostra storia. Abbiamo fatto una scelta per l’Italia ed intendiamo portare avanti una riforma per la legge elettorale, abbassare le tasse e fare una riforma della giustizia. In questo modo, mettiamo in mora il Pd e non Berlusconi”. In merit all’emergenza rifiuti, la De Girolamo non ha mancato di ribadire il suo impegno per la lotta alla cosiddetta Terra dei Fuochi. “Con Alfano e Mauro stiamo valutando l’arrivo dell’esercito, ma non per militarizzare la Campania ma per perimetrare e circoscrivere il pericolo. Devo evitare speculazioni, individuare le zone ‘no food’ e garantire il ‘Made in Campania”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu