Grazzanise. Alla frazione Borgo Appio arrestato un albanese 27enne per tentata rapina aggravata e sequestro di persona.

carabinieri arresto nero

L’uomo, introdottosi previa effrazione con altri complici, armati di un fucile, una pistola ed attrezzi agricoli, all’interno abitazione del luogo, ne aggrediva i giovani occupanti immobilizzandoli e minacciandoli al fine di farsi riferire il luogo dove era custodita la cassaforte.

In Grazzanise, frazione Borgo Appio, via Oreste Salomone, i Carabinieri della locale stazione, in collaborazione con il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno proceduto all’arresto in flagranza per i reati di tentata rapina aggravata in concorso e sequestro di persona, del cittadino albanese Blerim Begu classe 1986, in Italia senza fissa dimora. L’uomo, introdottosi previa effrazione, unitamente ad altri complici in corso di identificazione armati di un fucile, una pistola ed attrezzi agricoli, all’interno abitazione del luogo, ne aggrediva i giovani occupanti, da soli in casa, immobilizzandoli e minacciandoli al fine di farsi riferire il luogo dove era custodita la cassaforte. Al successivo rientro presso la citata abitazione dei proprietari, i malviventi tentavano di aggredire e sopraffare anche questi ultimi che opponevano resistenza riuscendo a bloccare il Blerim Begu mentre i complici riuscivano a scappare a bordo di autovettura lungo le vicine arterie di comunicazione. I militari dell’Arma, intervenuti nell’immediato, traevano in arresto il rapinatore. Nella circostanza, a seguito della colluttazione le persone offese riportavano escoriazioni e contusioni non gravi medicate presso pronto soccorso di Castel Volturno. L’arrestato, pertanto, è stato associato presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Sono tutt’ora in corso ulteriori indagini da parte dei Carabinieri della Stazione di Grazzanise volte all’identificazione dei rapinatori in fuga.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu