Cautano. Parco regionale Taburno-Camposauro, il nuovo presidente è Costantino Caturano: gli auguri della Coldiretti e del vicepresidente Masiello.

Il massiccio culmina nelle vette del Taburno, Camposauro e Pentime, si erge con versanti molto scoscesi dalla Valle del Calore, o Valle Telesina, a nord, che lo separa dal Matese, e dalla Valle Caudina a Sud, che lo separa dal Partenio.

Costantino Caturano è il nuovo presidente del Parco Regionale Taburno Camposauro, su proposta del vicepresidente Fulvio Buonavitacola e dell’assessore Bruno Discepolo: arrivano gli auguri del vicepresidente nazionale di Coldiretti Gennarino Masiello. “Salutiamo con piacere il provvedimento della Regione che riporta alla gestione ordinaria un ente strategico per lo sviluppo del territorio, del sistema agricolo e turistico del Sannio. Un grazie sentito va al commissario Vito Busillo per il lavoro svolto in una condizione difficile. Sono certo che il dottore Caturano, come ha già dimostrato in altri contesti, saprà aprire una nuova stagione di protagonismo del Parco, un patrimonio naturale e culturale che si estende per 12.370 ettari nella provincia di Benevento e interessa una popolazione di circa 25.000 abitanti”. Caturano, è dottore in Scienze Ambientali: 40 anni, vanta una lunga esperienza di lavoro all’Arpac. È direttore del Gal Taburno dal 2013 e membro di commissioni paesaggistiche di enti pubblici in qualità di esperto di tematiche di gestione ambientale e sviluppo rurali. La nomina del presidente è disciplinata dalla Legge Regionale n. 33 del 1993 “Istituzione di parchi e riserve naturali in Campania”, che nel disciplinare la gestione delle aree naturali protette all’art. 8 dispone che il presidente dell’Ente Parco sia nominato dalla Giunta Regionale, per la durata di tre anni, su proposta degli Assessori all’Urbanistica e all’Ambiente, tra soggetti in possesso di comprovata esperienza nelle istituzioni, nelle professioni, ovvero di indirizzo o di gestione in strutture pubbliche o private, preferibilmente maturata nei settori della tutela dell’ambiente e del paesaggio.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu