PASTORANO. “Il raglio d’asino non arriva mai in cielo”: la nota a firma dei tre Consiglieri di minoranza.

“Spesso mettiamo in evidenza le numerose carenze di questa Maggioranza, con comunicati stampa o manifesti murali, per la maggior parte delle volte completamente ignorati o comunque rimasti senza risposta – il manifesto a firma dei consiglieri di minoranza Diana Giovanni, Capezzuto Vincenzo e Di Gaetano Gaetano. Recentemente, con un comunicato del 15.10.2021, abbiamo sollecitato un intervento alla rete fognaria per evitare gli allagamenti che si verificano sempre più frequentemente. Abbiamo espresso la nostra fiduciosa attesa per il completamento dell’Asilo Nido di San Secondino. Riponiamo ancora tanta speranza (per l’ennesima volta) di ottenere un incontro con il Commissario e il tecnico incaricato alla Variante al Piano Urbanistico Comunale. Abbiamo ancora tante perplessità sull’attuazione del senso unico di circolazione posto all’incrocio tra Via Matteotti e Corso Italia. Abbiamo messo in evidenza le nostre criticità in merito ai lavori realizzati (a nostro avviso MALISSIMO!) su Via Matteotti e su Via Latina. Abbiamo esposto le nostre ragioni sulla problematica (affrontata male e con un inutile spreco di soldi) dei piccioni al Cimitero Comunale. Abbiamo ricordato il problema “lavoro e bandi di concorso” rimasti nel dimenticatoio e ancora tante altre criticità. A TUTTE QUESTE, NESSUNA RISPOSTA… Ma sempre a testa alta!!! Solo le nostre osservazioni mosse con il comunicato dello scorso 18 novembre 2021 hanno scosso la coscienza del sindaco e della maggioranza con una tempestiva e stizzita risposta …SBAGLIATA. Con tale annuncio, abbiamo rappresentato l’esasperazione delle aziende che chiedono dignità e soprattutto “viabilità” nella zona industriale e abbiamo anche anticipato quello che avrebbero detto per difendersi. Infatti, prontamente è arrivata la giustificazione, con un comunicato che tira in ballo la tromba d’aria che ha interessato la Sicilia e la Sardegna, le colpe che sono sempre delle amministrazioni precedenti (chissà chi ne ha fatto parte negli ultimi 30 anni). La richiesta di un finanziamento di € 6.800.000, il progetto in fase di attuazione per circa 600.000 ed anche il voto contrario del consigliere di minoranza in sede di commissione tecnica. A queste affermazioni, noi della minoranza, molto sommessamente ed a testa bassa replichiamo con i fatti, riportando integralmente il verbale della commissione suddetta dal quale si evincono le motivazioni del voto espresso, e lasciando ai cittadini di trarne le dovute conclusioni, precisando solo che il voto contrario si riferisce al progetto così come predisposto e non all’iniziativa. VERBALE DELLA COMMISSIONE TECNICA DEL 16.10.2021 Esame del progetto di “manutenzione straordinaria infrastrutture area spartimento”. sono presenti i due consiglieri di maggioranza i quali dichiarano di esprimere parere favorevole “alla fattibilità dei lavori in attesa dell’esecuzione, a seguito di apposito finanziamento per il rifacimento dell’area e dei sotto servizi , impianto di depurazione, rete elettrica ed idraulica”. è presente il consigliere di minoranza che dichiara “pur condividendo la scelta politica di destinare risorse economiche alla manutenzione della viabilità della zona industriale che si presenta in condizioni praticamente indecenti, esprimo parere nettamente contrario al progetto in esame, per le seguenti motivazioni. i lavori sono finanziati con fondi delle casse comunali e l’importo stanziato, seppure notevole, è assolutamente insufficiente per affrontare radicalmente la carenza delle infrastrutture della zona industriale. Per questo motivo, il progetto deve essere inteso come un intervento per “tamponare” alcune criticità immediate, in attesa dell’ottenimento di un pubblico finanziamento adeguato all’intervento. Non si condivide scelta di intervenire su una superficie così estesa, suddivisa in cinque tronchi in base al progetto, e prevedere sulla stessa superficie dei lavori assolutamente inutili e sprecati. Per la gran parte della zona mancano le fogne, la luce, l’acqua, il depuratore, ecc. ecc. e quindi i lavori a farsi sono assolutamente provvisori e servono solo per rendere praticabile la strada fino alla possibilità di un lavoro definitivo. Tutto ciò che si costruirà con questo progetto, per una spesa di oltre 500.000 euro, dovrà essere completamente rifatto. Più nello specifico, tutte le strade interessate dai lavori hanno una configurazione con pendenza verso il centro della careggiata per cui la fresatura dell’asfalto con relativo trasporto a rifiuto (lavori che incidono per oltre 100.000 euro) diventa perfettamente inutile se non si riconfigura la pendenza stradale verso le cunette laterali. Il tronco n. 4 si presenta in uno stato tale che la scarifica ed il rifacimento dell’asfalto potrebbe interessare solo la parte centrale e con il risparmio intervenire su altri tratti di strada danneggiata ed esclusi completamente. in conclusione il sottoscritto ritiene che sarebbe opportuno concentrarsi in maniera definitiva sui tronchi stradali già dotati almeno di fognatura in modo da evitare i frequenti allagamenti che altrimenti vanificherebbero i lavori che si andranno ad eseguire. Infine, il consigliere di minoranza chiede che quanto verbalizzato venga chiarito, per iscritto, sia da parte del progettista che dalla parte politica”. Questi sono i fatti, ed i chiarimenti richiesti con il suddetto verbale non sono mai arrivati. Ricordiamo infine che la somma stanziata (€ 600.000) sono fondi del bilancio comunale che vengono raccolti dalle imposte e tributi che i cittadini pagano ed andrebbero spesi con più attenzione e parsimonia”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu