PIANA DI MONTEVERNA / SPARANISE / CAMIGLIANO. Timbravano il cartellino ma non erano in servizio: stamane l’udienza preliminare a carico di 55 dipendenti del Provveditorato agli Studi di Caserta.

csa casertaI fatti risalgono al biennio 2010­/2011, quando gli impiegati si assentavano dal posto di lavoro con la complicità di tutti.

Stamani l’udienza preliminare presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere a carico di 55 dipendenti del Provveditorato agli Studi di Caserta di Via Ceccano indagati per truffa ai danni dello Stato e interruzione di pubblico servizio: timbravano il cartellino ma non erano in regolare servizio. I fatti risalgono al biennio 2010­/2011, quando gli impiegati si assentavano dal posto di lavoro con la complicità di tutti. Intanto sono state rigettate le eccezioni sollevate dalle difese, rappresentate dagli avvocati Romano, Cerreto, Capone, Cantelli, D’Angelo, Viggiano e Stellato. Tra gli indagati Raffaele De Lillo di Sparanise, Giovanna Varrone di Piana di Monte Verna, Agostino Cupolino di Sessa Aurunca, Enrico Maccarone di Camigliano, Giuseppe Ambrosino e Ciro Torredi di S. Maria C.V., Rosa Viscuso, Vincenzo Giuliano, Rosa Falco, Enrico Giuliano, Maria Gagliardi di Caserta.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu