PIEDIMONTE MATESE / SAN POTITO SANNITICO. Sgarbo istituzionale o opportunità territoriale: San Potito offre alla Prefettura una struttura per ospitare i Carabinieri, il gruppo “SiAmo Piedimonte” vuole vederci chiaro.

“Invitiamo il Sindaco ad indire una pubblica assemblea per chiarire la posizione del nostro Comune in merito e delucidare tutti sulle eventuali azioni intraprese per scongiurare un eventuale trasferimento”.

“Abbiamo appreso dai giornali che il Comune di San Potito Sannitico avrebbe offerto alla Prefettura di Caserta la disponibilità dell’ex Scuola Media, ubicata in Via Pozzo, per ospitare la Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese  recita la nota apparsa da qualche istante in città a firma del gruppo consiliare “SiAmo Piedimonte. Se tale disponibilità dovesse essere accolta dall’Ente ed il Presidio delle Forze dell’Ordine di Piedimonte fosse spostato, la nostra città perderebbe un’altra istituzione importantissima, con notevoli conseguenze sul piano sociale e di sicurezza del territorio. Di fronte ad un susseguirsi di voci e di ipotesi, l’Amministrazione non ha fornito chiarimenti ufficiali, nè è dato sapere se il nostro Comune ha fatto pervenire alla Prefettura la disponibilità di un immobile, onde evitare che il Comando dei Carabinieri lasci l’attuale sede per collocarsi stabilmente nel Comune limitrofo. Sull’argomento, al momento, e con grande sorpresa da parte nostra e della cittadinanza, vige il più completo silenzio dell maggioranza consiliare. Poichè si tratta di una questione di enorme rilevanza ed interesse per la cittadinanza, invitiamo il Sindaco ad indire una pubblica assemblea per chiarire la posizione del nostro Comune in merito e delucidare tutti sulle eventuali azioni intraprese per scongiurare un eventuale trasferimento fuori da Piedimonte del Comando dei Carabinieri” – concludono i consiglieri comunali Grillo, Petella e Riccitelli.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu