PIEDIMONTE MATESE. “L’Italia riparte e a Piedimonte? Tutto è fermo”: la nota del locale circolo Pd.

“Ormai quotidianamente i cittadini, le categorie commerciali e anche noi come gruppo politico, proviamo a stimolare l’amministrazione comunale a prendere iniziative e a sostenere la ripresa lavorativa, purtroppo è tutto fermo”. 

“Mentre in tutta Italia le istituzioni sono vicine agli operatori economici, ai lavoratori e alle famiglie, a Piedimonte Matese questo non succede. Ormai quotidianamente i cittadini, le categorie commerciali e anche noi come gruppo politico, proviamo a stimolare l’amministrazione comunale a prendere iniziative e a sostenere la ripresa lavorativa, purtroppo è tutto fermo. Il mercato, i lavori pubblici, la manutenzione delle strade, la programmazione degli adeguamenti strutturali necessari per le scuola data l’emergenza, gli interventi di aiuto verso le persone fragili e i disabili, a proposito signor Sindaco, perchè non sono stati ancora corrisposti gli assegni di cura ai beneficiari che aspettano da due anni?”. Ecco la nota a firma del locale circolo del Partito democratico.

Stampa
Lascia un commento comment3 commenti
  1. Giugno 13, 09:48 Ernesto Senzaresto

    Il PD di Piedimonte ……..
    Ma veramente ?
    Ma tu guarda, chi l’avrebbe mai detto!
    Un corpo che si muove per spasmi involontari o impulsi elettrici residuali dopo la decapitazione operata dalla magistratura ….
    Anatomopatologico!

    reply Reply this comment
  2. Giugno 13, 07:04 Giuseppe

    Il teatrino della politica piedimontese non sembra cambiare, anzi c’è chi procede per la restaurazione quasi come fu per il periodo della Rep. di Napoli del 1799. Il Gattopardo non fu scritto a caso.

    reply Reply this comment
  3. Giugno 12, 21:53 Michele Senzamiele

    Una proposta:
    magari – prima di scrivere il prossimo poster – restituite quell’indennità di carica che qualcuna dei vostri non si era accorta di non aver ricevuto quando era in carica con voi che spiattellavate ai quattro venti di avervi rinunciato, vantandone il diritto quando al Governo della Città sono saliti Di Lorenzo e i suoi (che secondo voi dovrebbero rinunciarvi)….
    Sapete, è una questione di stile….
    Perché almeno quello va salvaguardato, non vi pare ?

    reply Reply this comment
mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu