PIEDIMONTE MATESE. Comunità Montana Matese, maggioranza Imperadore: disco verde ai bilanci. “Come avere una Ferrari ma siamo sempre in rosso e con le ruote mezze sgonfie”.

Ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo avviato iniziative importanti: ora l’Ente sullo stesso piano delle parti sociali, ok Cisoa, rendicontazione”. La programmazione per il futuro, gli acquisti da fare.

“Orgoglioso di appartenere a questa squadra, quando all’inizio (l’insediamento è avvenuto il 24 luglio del 2019) abbiamo riscontrato evidenti problematiche organizzative: siamo andati a mettere ordine, come nella funzionalità degli uffici stessi. E’ stato un percorso non semplice, insomma, che abbiamo avviato ma non concluso”. Con queste parole il presidente dell’esecutivo alla Comunità Montana zona del Matese, Francesco Imperadore, tiene a battesimo il Consiglio generale (ferragostano) dell’Ente montano matesino, chiamato ad esprimersi, se pur con una maggioranza ridotta (ma pur sempre maggioranza: 9 presenti e favorevoli ad ogni punto, 8 ,invece, quelli della minoranza, tutti assenti) su importanti punti posti all’ordine del giorno. Presenti da San Potito Sannitico lo stesso sindaco – presidente Imperadore, quindi Vincenzo Lanzone sindaco di Ailano, Luigi Zazzarino (delegato) da Alife, Giovanni Prato sindaco Capriati al Volturno, Domenico Buccio delegato da Ciorlano, Antonella Delli Carpini, sindaco di Gallo Matese, Domenico Lanni, delegato da Prata Sannita, Rocco Landi, sindaco di Valle Agricola ed infine Mauro Martino delegato da Piedimonte Matese (sarà la sua ultima Assise all’Ente montano: l’11 agosto, difatti, il Consiglio comunale a Piedimonte Matese sarà sciolto e perderà, di conseguenza, la delega agli enti sopracomunali). Assenti, pertanto, sindaci o loro delegati dei Comuni di San Gregorio Matese, Castello del Matese, Gioia Sannitica, Raviscanina, Sant’Angelo d’Alife, Pratella, Fontegreca, Letino. Ci siamo rimboccati le maniche ed abbiamo avviato iniziative importanti – ha continuato il presidente: ricordo le iniziali schermaglie con le parti sociali, con l’Ente che era in una sorta di sudditanza con i sindacati. Ora siamo riusciti ad invertire il ruolo e adesso ci siamo rimessi almeno sullo stesso piano. Ricordo la risoluzione dello strumento Cisoa, sistemate le rendicontazioni, quella del 2016, quasi quella del 2017. Ancora, avevamo ben 18 mesi di stipendi arretrati all’atto del nostro insediamento (luglio 2019, ndr) – ricorda con orgoglio Imperadore: oggi ne abbiamo solo 8. Dispiace che altri colleghi sindaci non siano venuti, ma noi oggi presentiamo a voi dei conti perfettamente in ordine, con dei bilanci (rendiconto esercizio 2018 e bilancio preventivo 2019, ndr) scrupolosamente preparati dai nostri collaboratori e che hanno avuto il parere del revisore dei conti senza nessuna criticità e/o obiezione. Ringrazio i nostri collaboratori, Enzo ed Antonio, oltre al nostro segretario: sono loro che portano avanti la struttura. Abbiamo, ancora, avviato gli sfratti esecutivi ai capannoni industriali di nostra proprietà, ad ottobre prossimo ci saranno le prime udienze: abbiamo semplicemente fatto il nostro dovere di amministratori pubblici per recuperare le somme; non può passare l’idea che la cosa pubblica appartiene a tutti e… Vi ringrazio di cuore – stravolta rivolto ai colleghi di maggioranza presenti in aula – perchè vi fidate di me e della mia giunta. Io qua mi ci trovo per caso ma devo essere riconoscente a tutti. Riusciamo, insomma, ad arrivare alla sufficienza: è come avere una Ferrari ma siamo sempre in rosso e con le ruote mezze sgonfie, non possiamo andare più di 40/50 km/h. Lavoriamo per avere più risorse finanziarie e gonfiare le ruote”. Poi qualche annuncio:Stiamo programmando l’acquisto di due trattori con barre decespugliante, che si muoveranno in maniera più agile rispetto alle Terne che abbiamo. E ricordate che quest’anno abbiamo 1/3 della forza lavoro. Siamo, inoltre, l’unica Comunità Montana che si è permessa di fare richiesta di occupazione alla Regione Campania“.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu