PIEDIMONTE MATESE. Adeguamento stipendiale, incentivo e regolarizzazione contributi: il dipendente del Consorzio Bonifica, e sindacalista, Ciro Abitabile proclama lo sciopero della fame.

“…davanti alla sede consortile, inizierà uno sciopero ad oltranza che sfocerà in uno sciopero della fame (qualora le richieste continueranno a restare inascoltate e disattese)“.

Con una nota indirizzata al Presidente del Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano, al Vice-Presidente, alla Delegata Regionale, ai componenti della Deputazione Amministrativa, al Direttore Generale ed Amministrativo il dipendente dell’Ente Ciro Abitabile proclama lo sciopero della fame per il 12 settembre 2022.

ECCO LA SUA NOTA.

Il sottoscritto Abitabile Ciro dipendente del Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano nonché rappresentante della FILBI/UIL Provinciale, premesso che, con precedenti missive, ha fatto richiesta: dell’adeguamento retributivo stipendiale a partire dal mese di marzo 2020;  del pagamento dell’incentivo, per la mansione straordinaria e di esposizione maggiore ad eventuali contagi durante il controllo anti-Covid;  della regolarizzazione dei contributi INPS dall’11-03-2020 al 31-05-2020;

considerato che a tutt’oggi nessuna risposta è stata data al sottoscritto; COMUNICA che a partire dal 12 settembre 2022, davanti alla sede consortile, inizierà uno sciopero ad oltranza che sfocerà in uno sciopero della fame (qualora le richieste continueranno a restare inascoltate e disattese), a titolo di protesta e di manifestazione per l’accoglimento dei propri diritti. Il sottoscritto comunicherà tale azione alle autorità competenti (Prefettura di Caserta, Amministrazione Comunale di Piedimonte Matese, Comando Stazione Carabinieri e Polizia Municipale, ASL Competente ecc.)”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu