PIEDIMONTE MATESE. Dissesto finanziario, il gruppo di maggioranza “Uniti per Piedimonte” vota all’unanimità per il si; il sindaco Di Lornzo: “per l’Ente rappresenta una opportunità reale di ripresa”.

Poi la fascia tricolore  mette le mani avanti sul certo aumento delle tasse al massimo consentito dalla  legge: “Utile sottolineare che da anni tutte le tasse sono già al massimo e non per colpa di questo voto”.

Era nell’aria da tempo. Da quando, vinta la campagna elettorale a spese degli antagonisti, Carlo Grillo e la sua “SiAmo Piedimonte” in primis, la compagine di maggioranza si è dovuta cimentare con la dura realtà dei conti comunali. Crediti per quasi un milione di euro ancora da riscuotere dalla ex Equitalia (sono stati uno dei punti discussi ai cittadini-elettori sui palchi dalle tre liste in competizione), ed allo stato attuale ancora non riscossi: per contro, debiti che risalivano a diversi anni addietro. La maggioranza Di Lorenzo è andata avanti in questo anno e mezzo tra consulenze e valutazioni varie (la consigliera Bisceglia a consulto anche ad Alife nell’ufficio finanziario). Poi la decisione, anche dopo il vaglio dei conti comunali dall’attuale revisore dei conti. Infine l’annuncio: “Si è appena conclusa la riunione del gruppo di maggioranza “Uniti per Piedimonte” ed all’unanimità il gruppo, adottando il documento del revisore, ha deciso che all’unanimità sarà votato il dissesto finanziario che per l’ Ente rappresenta una opportunità reale di ripresa. Nella conferenza stampa del 10 verranno resi noti dettagli. Utile sottolineare che da anni tutte le tasse sono già al massimo e non per colpa di questo voto. Forza Piedimonte”.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu