PIEDIMONTE MATESE. “Il gelo del dissesto è calato su Piedimonte”, l’ammonimento del consigliere Carlo Grillo: “ben venga, ma la conseguenza necessaria sono le dimissioni in blocco di Sindaco, Presidente del Consiglio e di tutti i consiglieri”.

“Il più attaccato alla poltrona è il Presidente del Consiglio (Santillo, ndr), perchè significa perdere anche la poltrona alla Provincia. Per i consiglieri, invece, l’unica amalgama probabilmente sono le indennità di carica”.

“Il gelo del dissesto è calato su Piedimonte attraverso la sala consiliare dove, incappucciati come tanti pastori delle montagne, abbiamo sentito dapprima il revisore dei conti dr. Esposito e poi l’amato sindaco (Luigi Di Lorenzo, ndr) dire ai cittadini di Piedimonte Matese: “Siete fortunati perchè il dissesto è una grande opportunità”, omettendo di precisare meglio, però, che la maggioranza probabilmente doveva dichiararlo un anno e mezzo fa”: il duro commento del consigliere Carlo Grillo. Passa dunque la linea del dissesto al Comune matesino, licenziato con i soli voti della maggioranza “Uniti per Piedimonte“; minoranze astenute: “SiAmo Piedimonte” era presente in aula con il capogruppo Grillo e la consigliera Clotilde Riccitelli (assente Sara Petella). “Invece, come la precedente amministrazione – ha continuato il leader di “SiAmo Piedimonte” – ha fatto ricorso alle anticipazioni di cassa per oltre 5 milioni di euro (non restituite al 31/12), ha utilizzato fondi speciali regionali, come la Cassa Depositi e Prestiti e Legge 328/2000 per far fronte a spese, ed è stata, come ricordato anche dal revisore dei conti, del tutto incapace di riscuotere i crediti dell’Ente, sebbene le segnalazioni della minoranza di “SiAmo Piedimonte” del 7 aprile 2018. Ben venga, dunque, il dissesto, ma la conseguenza necessaria sono le dimissioni in blocco di Sindaco, Presidente del Consiglio (Gianluigi Santillo) e di tutti i consiglieri altrimenti non ha senso dichiarare il dissesto e poi ridarsi al fiducia da soli”.   

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu