PIEDIMONTE MATESE. Vertice al Parco del Matese sul ridimenzionamento dell’Ospedale: “faremo fronte comune, senza colore politico, a salvaguardia del territorio”, assicura il Presidente della Comunità Montana, Scuncio.

“E’ stato per ora un momento di confronto, per far emergere le contraddizioni previste nel nuovo Piano Ospedaliero, così come imposto dalla Regione Campania”.

Incontro organizzato dal presidente della Comunità Montana Matese, Scuncio, anche primo cittadino di Prata Sannita, che ha richiamato in questo vertice “di confronto” tutti i colleghi sindaci: di Caianello, Cantelmo, di Pratella, Cacciola, (questi ultimi due neo eletti nella commissione sindaci dell’ASL), Di Lorenzo di Piedimonte Matese, Imperadore di San Potito Sannitico, e diversi altri, per “fare fronte comune” sulla proposta avanzata dalla Regione Campania di ridimensionamento dell‘Ospadale di Piedimonte Matese, così come previsto nel nuovo Piano Ospedaliero. L’ “Ave Gratia Plena” subirà un declassamento dall’attuale DEA di I livello a Pronto Soccorso attivo. In buona sostanza, almeno due di quelle che ora sono Unità Operative Complesse, in particolare Ortopedia e Chirurgia Generale, saranno trasformate in Unità Operative Semplici a Valenza Dipartimentale. Al paziente che arriva al nosocomio gli vengono prestate le prime cure, ma solo quelle, perchè poi gli interventi veri e propri si dovranno fare altrove. E da qui per il malato partiranno i cosiddetti “viaggi della speranza”, in cerca di strutture in grado innanzitutto di accoglierli, dove c’è posto, poi di curarli a dovere. “E’ stato per ora un momento di confronto, per far emergere le contraddizioni previste nel nuovo Piano Ospedaliero, così come imposto dalla Regione Campania – ha dichiarato lo stesso Presidente dell’Ente montano, Scuncio. Occasione per difendere le nostre strutture da questi ridimensionamenti che sono stati oggi rappresentai dai vari operatori intervenuti. Noi faremo fronte comune, senza colore politico, esclusivamente a salvaguadia del territorio”. Anche il Presidente della Provincia, Magliocca, nei giorni scorsi era intervenuto assicurando di essere “al fianco delle amministrazioni di Piedimonte Matese e di tutti i comuni dei comprensori a sostenere la battaglia per una sanità pubblica che non danneggi ulteriormente i cittadini. Il rigore e l’equilibrio annunciati da Vincenzo De Luca così come la tutela del diritto alla salute, a me paiono delle vere chimere per alcuni territori”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu