PIEDIMONTE MATESE. Sannio Alifano, venerdì 15 febbraio la Provincia di Caserta (finalmente) nominerà i delegati in seno al Consorzio di Bonifica: sarà votato il nuovo presidente in luogo di quello reggente (Alfonso Santagata di Alife), nominato ma mai eletto.

Con i 10 delegati di nomina al completo, dunque, ed unitamente ai 25 eletti dagli utenti, si completerà il Consiglio e si potrà procedere, pertanto, alla votazione

Finalmente, ed è proprio il caso di dirlo, una elezione democratica in un ente sovracomuale. Il Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano con sede a Piedimonte Matese in Viale della Libertà si reggeva ancora su una maggioranza, ed un presidente (Alfonso Santagata di Alife, ndr) mai effettivamente eletto da una compagine votata, questa si, dagli utenti – consorziati, i contribuenti – proprietari terrieri che hanno diritto di voto alle elezioni che si tengono ogni 5 anni per il rinnovo dei vertici dell’Ente. Venerdì 15 febbraio 2019 la Provincia di Caserta dovrebbe nominare i 3 delegati di competenza, in gravissimo ritardo rispetto a quanto avrebbe effettivamente dovuto, considerando che per i 10 delegati soggetti a nomina, sono stati già da tempo indicati i 3 della provincia di Benevento ed i 3 della provincia di Avellino, oltre al delegato regionale (la confermata Emerenziana Gianfrancesco, moglie dell’ex sindaco di Baia e Latina, Michele Santoro). Con i 10 delegati di nomina, dunque, ed unitamente ai 25 eletti dagli utenti, si completa il Consiglio e si potrà procedere, pertanto, alla votazione. Sarà democraticamente eletta una maggioranza ed un presidente che potranno reggere l’amministrazione dell’importante azione che svolge il Consorzio di Bonifica nelle tre province, Caserta, Benevento ed Avellino appunto, fino a nuove elezioni. In pool ci sono il forzista Mauro Martino, consigliere comunale a Piedimonte Matese; un altro delegato sarà di espressione “Campania Libera”, lista che fa riferimento al consigliere regionale di Casapulla, Bosco; indicato anche un terzo consigliere, che andrà a completare il mosaico dei 35 nomi che, alla fine, prenderanno parte alla votazione.

Stampa
Lascia un commento comment1 commento
  1. febbraio 10, 15:35 Andrea

    Ma non si abbottona manch e terre e campusant sempre le stesse facce,bisogna svoltare faccio nuove e con L interesse della gente,ma Santagata la capito che ormai lui è il PD sono morti ad Alife la lista civica quidata da Di Tommaso moglie del Santagata ringranziesse Gli assessori di destra poi passati all altra sponda,perciò vedete popolo i veri politici di un tempo dove sono i quali credevano in ideali politici lottavano per il popolo ci mettevano la faccia,ora si cambia casacca per le poltrone è una vera vergogna

    reply Reply this comment
mode_editLascia un commento

menu
menu