Pietraroja. Parco del Matese, il ministro Costa: “entro l’anno completiamo la fase di confronto”.

Il ministro Costa ha potuto inaugurare la sede istituzionale dell’Ente: circa 3.000 mq da destinare a laboratori e alloggi per i fruitori del Centro ricerca.

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa al tavolo dell’Ente Geopalentologico di Pietraroja col sottosegretario Salvatore Micillo: “Gli esperti assicurano che a Pietraroja ci sono ancora tanti tesori da riportare alla luce. Io stesso sto scoprendo solo adesso quanto sia importante un reperto come Ciro, unico al mondo. E il Parco nazionale del Matese rappresenta una eccezionale opportunità, non un vincolo per il territorio”. Costa ha quindi confermato che si proseguirà a sostegno dell’Ente nell’attività di valorizzazione del pregevole geosito di Pietraroja: “Un’area che ha già riservato meraviglie come il fossile “cucciolo” di dinosauro che non ha eguali nel mondo. Ma sicuramente ne sta custodendo molti altri perché gli studiosi non hanno dubbi in merito. Riportiamoli alla luce, l’Ente Geopalentologico di Pietraroja ha le carte in regole per svolgere al meglio il ruolo di ricerca e promozione dei tesori già svelati e di quelli che attendono di esserlo”. Nel mentre il presidente del Comitato di gestione provvisoria dell’Ente Geopalentologico Gennaro Santamaria: “L’Ente è nato con la mission prioritaria di fare ricerca scientifica al massimo livello ma anche di promuovere gli straordinari risultati delle campagne di scavo condotte e da condurre nel prossimo futuro”. Per il soprintendente Salvatore Buonomo, dal canto suo, “la Soprintendenza fornirà sempre il proprio apporto alle nuove ricerche che intenderà avviare l’Ente, ma accanto a nuove campagne di scavi non va trascurato lo studio di quanto è già venuto alla luce a Pietraroja”. Il Rettore dell’Università del Sannio Filippo de Rossi e il direttore dell’Università Federico II di Napoli Francesco Bello hanno confermato consulenza scientifica e supporto logistico necessari alle attività che si renderanno necessarie.: A seguire il confronto su “Ente Geopalentologico di Pietraroja e Parco nazionale del Matese. Ricerca, tutela, valorizzazione: opportunità di crescita e sviluppo per il territorio”. Presenti il presidente Gennaro Santamaria ed il sindaco Angelo Pietro Torrillo, il ministro Costa ha potuto inaugurare la sede istituzionale dell’Ente: circa 3.000 mq da destinare a laboratori e alloggi per i fruitori del Centro ricerca. Ministro Costa che ha sottolineato anche le prospettive del Parco nazionale del Matese istituito nel 2017 con legge dello Stato: ” Parchi sono una grande opportunità da non vivere con paura. È ormai anacronistica la contrapposizione tra ambiente e sviluppo. Al contrario sono una eccezionale opportunità per il territorio che può finalmente valorizzare al meglio il patrimonio paesaggistico, agroalimentare, zootecnico che esprime da sempre come accade qui nel Matese. E per incentivarne ulteriormente la nascita stiamo predisponendo misure per la fiscalità di vantaggio nei comuni interessati”, sollecitando entro l’anno il termine della fase di confronto. Infine, l’assessore all’Ambiente della Regione Molise, Nicola Cavaliere: “Discutiamo di tutto con tutti ma non in eterno. Se c’è una certezza è che non ci faremo commissariare”.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu