SAN GREGORIO MATESE / LETINO / VALLE AGRICOLA / SANT’ANGELO D’ALIFE / SAN POTITO SANNITICO. Traversata del Matese, IX edizione, a cura del CAI matesino: bilancio più che positivo.

piedimonte matese cai 2014 traversata

Prima “tappa” di quest’anno è stato il percorso avventura delle Gole di Caccaviola. Un percorso attrezzato di difficoltà medio alta molto emozionante.

di Anna Lisa Golvelli

Sono partiti lunedì 4 agosto 2014, i circa trenta partecipanti alla IX edizione della Traversata del Matese, organizzata, come nelle edizioni precedenti, dalla sezione matesina del Club Alpino Italiano. Prima “tappa” di quest’anno è stato il percorso avventura delle Gole di Caccaviola. Un percorso attrezzato di difficoltà medio alta molto emozionante. La giornata è stata lunga e, per alcuni, particolarmente impegnativa. Seconda giornata all’insegna del relax, in località Bocca della Selva, ospiti del Rifugio Tre Faggi. Da qui il percorso è ripreso sul sentiero di Macchia Strinata, alle pendici del Monte Mutria, con discesa alla Serra del Perrone, e risalita verso il Rifugio CAI di Monte Orso attraverso l’Oasi WWF di Guardiaregia. La serata al rifugio si è svolta in grande allegria, con l’intervento degli amici delle sezioni CAI di Piedimonte Matese e di Benevento. La traversata è proseguita quindi lungo i sentieri del Concone delle Rose, con visita all’omonimo rifugio, un gioiellino nel bosco all’altezza del Fosso del Cerasiello. Passaggio per Capo di Campo e sulla Strada del Diavolo, con tappa intermedia al Vivaio Forestale delle Carboniere (un vivo ringraziamento agli operatori del vivaio per la calorosa accoglienza) e meta finale della giornata a San Gregorio Matese, percorrendo un tratto del Sentiero Italia. Cena presso il ristorante “Da Lorenzo” e pernotto all’Hotel Monte Miletto. Giro di boa quindi verso Ferracciano, in comune di Piedimonte Matese, con visita alla masseria di Malvina, azienda agricola e di allevamento stabile ad al ta quota, e sosta serale in località Selvapiana (Sant’Angelo d’Alife), ospiti degli amici santangiolesi, gentilissimi. Qui la serata è stata movimentata da una improvvisa forte pioggia, che ha costretto il gruppo a riorganizzare il campo, ma alla fine, dopo l’acquazzone, tutto è tornato a sorridere e una lauta cena ha riportato l’allegria. Penultima tappa: Selvapiana – Camporuccio – Valle Agricola, dove la comunità del paese ha confermato la sua fama di grande ospitalità. La serata è stata caratterizzata dall’allegria della musica popolare a base di organetti, e, come di consueto, anche i partecipanti si sono fatti coinvolgere dalla contagiosità delle danze popolari, fino a notte fonda. Domenica 10 agosto, in onore di San Lorenzo, foto ricordo dei traversatori sui gradini della bella chiesa in pietra di Valle Agricola, in compagnia del Sindaco Rocco Landi e di altri rappresentanti dell’Amm.ne Comunale, e partenza per l’ultima tappa verso Letino. Attraversato il valico della Rava di Prata, visita al Lago di Letino, risalita del fiume Lete e sosta pranzo al Mulino di Patino – Centro di Didattica ambientale del Parco. Nel primo pomeriggio l’incontro con il Sindaco Fausto Perrone ha introdotto la visita alle famose Grotte di Cauto, alle spalle della centenaria Diga sul lago. Punto di raccolta al “Chioschetto” e rientro a San Potito Sannitico, presso l’agriturismo “Bacco e Bivacco”, dove si è tenuto l’ultimo consueto “briefing” di commiato raccogliendo le testimonianze ed i commenti dei partecipanti alla Traversata, che ha sancito la conclusione di questa bella ed emozionante nona edizione. Appuntamento per tutti al decennale per il prossimo 2015.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu