Caserta / Sannio / Verso le Politiche 2022. In corsa Graziano, Bosco, Pepe, Russo, Piscitelli, Cerreto, Del Monaco, Iodice, Lonardo, Mortaruolo, Rubano, Matera.

In preallarme Stefano Graziano, primo dei non eletti alle ultime Regionali, Antonella Pepe di Benevento, Giovanni Russo di Orta di Atella, Alfonso Piscitelli di Santa Maria a Vico, Marco Cerreto di Caserta, Antonio Del Monaco da Maddaloni, Maria Luigia Iodice, Luigi Bosco.

Al via il toto-candidature in vista delle elezioni Politiche del 25 settembre 2022, con 4 collegi che interesseranno il Sannio.

Plurinominale (o proporzionale) Camera Campania 2 – P01, che comprende le province di Benevento e Caserta e che assegna 5 seggi;

Uninominale Camera Campania 2 – U03 (tutta la provincia di Benevento + 28 comuni della provincia di Caserta nell’area di Piedimonte Matese al confine con la Valle Telesina) che assegna un seggio;

Plurinominale Senato Campania 2 – P02 (le intere province di Benevento, Avellino, Caserta e quasi tutta quella di Salerno incluso il capoluogo) che attribuisce 5 seggi;

Uninominale Senato Campania 2 – U02 (le intere province di Benevento e Avellino) che attribuisce un seggio.

Partiamo dal Plurinominale/ Proporzionale Camera Campania 2 – P01, collegio che penalizza il Sannio data la maggiore consistenza numerica della provincia di Caserta. Gli eletti saranno 5 con la possibilità che siano tutti casertani: il Pd schiera Stefano Graziano, primo dei non eletti alle Regionali ultime del 2021 con oltre 17mila preferenze, attuale vice-responsabile nazionale enti locali con delega al Sud. Quindi, una donna beneventana, la presidente del partito a Benevento Antonella Pepe. Fratelli d’Italia punta sul deputato uscente ex 5 Stelle Giovanni Russo di Orta di Atella, il consigliere regionale di Santa Maria a Vico Alfonso Piscitelli, il commissario provinciale di Caserta Marco Cerreto. Anche Forza Italia e per i 5 Stelle puntano sull’uscente Antonio Del Monaco. Noi di Centro di Mastella correrà da solo al proporzionale con la consigliera regionale Maria Luigia Iodice, l’assessore comunale di Caserta e segretario provinciale Luigi Bosco, mentre per Benevento in corsa alcuni sindaci, tra cui Damiano, Agostinelli, Forgione.

Quanto all’Uninominale alla Camera per il centrosinistra (Pd+Azione) fuori dai giochi l’uscente ex M5S Angela Ianaro per il veto di Calenda alle candidature nei collegi maggioritari di ex grillini ed ex berlusconiani, restano in corsa Mino MortaruoloAngelo Moretti, espressione del civismo e consigliere comunale della città. Per il centrodestra corsa a due tra il vice segretario regionale e commissario provinciale azzurro Francesco Maria Rubano, anche sindaco di Puglianello, ed il primo cittadino di Bucciano Domenico Matera, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia. Per il M5S alla Camera corsa tra le uscenti senatrici Ricciardi e De Lucia. Candidatura per Noi di Centro per la senatrice uscente Sandra Lonardo, coniuge di Mastella.

Al Plurinominale Senato collegio vasto con nessun beneventano in corsa, forse Ricciardi per il M5S, Noi di Centro con Gino Abbate.

All’Uninominale al Senato Benevento-Avellino, il parlamentare uscente Umberto Del Basso De Caro del Pd ancora in riserva, sfiderà Giovanni D’Ercole di Fratelli d’Italia per il centrodestra.

In lizza un avellinese, Guerino Gazzella, marito dell’assessore Serluca oppure un sannita da scegliere tra i membri della Giunta come Ambrosone, De Pierro, Pasquariello. Il M5S pensa a Sabrina Ricciardi in vantaggio su Danila De Lucia.

Rischiano esclusione gli uscenti Pasquale Maglione (che ha seguito Di Maio) e Angela Ianaro, che ha aderito al Pd ma bloccata dal veto di Calenda sull’uninominale, come pure la De Lucia se non dovesse accettare la candidatura alla Camera.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu