AILANO. Sequestro preventivo di beni mobili ed immobili all’imprenditore Giovanni Malinconico per un valore complessivo di circa 8 milioni di euro: 6 società, 15 terreni, 2 appartamenti, 1 villa, 47 veicoli e 2 fabbricati.

Malinconico-Giovanni

L’imprenditore, sfruttando la contiguità ad elementi appartenenti “clan dei casalesi – gruppo iovine”, riusciva ad aggiudicarsi illecitamente rilevanti appalti pubblici.

I Carabinieri del Reparto Operativo di Caserta, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni mobili ed immobili, per un valore complessivo di circa 8 milioni di euro, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della Procura Distrettuale di Napoli, nei confronti dell’imprenditore Malinconico Giovanni cl. 1952, di Ailano. Il provvedimento in parola, scaturisce da un’attività investigativa, condotta dal citato Reparto tra il 2007 ed il 2011, che ha già permesso di trarre in arresto, nel novembre del 2011, il predetto per reati associativi, unitamente ad altri imprenditori ed ad un consigliere della Regione Campania. Nonché, di accertare come l’imprenditore, sfruttando la contiguità ad elementi appartenenti “clan dei casalesi – gruppo iovine”, riusciva ad aggiudicarsi illecitamente rilevanti appalti pubblici. Il sequestro ha riguardato 6 società, 15 terreni, 2 appartamenti, 1 villa, 47 veicoli e 2 fabbricati, tutte riconducibili al già nominato imprenditore.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu