SPARANISE. Bonifica dell’ex tabacchificio, il sindaco : “Presentato il progetto per l’esecuzione in danno”.

L’intervento, inizialmente destinatario di un finanziamento di 7 milioni di euro, avrà un costo complessivo programmato in 4,6 milioni di euro e sarà effettuato in danno del proprietario dell’immobile.

Dopo lo straordinario successo dell’inserimento, nell’autunno del 2016 anche grazie a Giovanni Zannini, dell’ex Tabacchificio di Sparanise nel Piano per le bonifiche della Regione Campania, mai ricompreso in nessun programma regionale o ministeriale, si avvicina la fase operativa. Nella giornata di ieri il Sindaco ed il responsabile del procedimento, Com. Giovanni Fusco, hanno presentato in Regione il progetto definitivo per l’esecuzione della bonifica in danno. L’elaborato, preceduto per la prima volta da una lunga e complessa caratterizzazione che ha scongiurato la contaminazione di aria, suolo e falde, prevede la rimozione e lo smaltimento totale dell’amianto e degli altri rifiuti presenti nell’area. L’intervento, inizialmente destinatario di un finanziamento di 7 milioni di euro, avrà un costo complessivo programmato in 4,6 milioni di euro e sarà effettuato in danno del proprietario dell’immobile che nonostante gli innumerevoli e infruttuosi tentativi non ha provveduto nei tempi stabiliti dal cronoprogramma all’esecuzione della bonifica. Al privato sarà addebitato il costo effettivo dell’opera che, in caso di mancato rimborso, comporterà l’acquisizione al patrimonio dell’ente di tutta l’area. Il Comune di Sparanise dopo l’approvazione del progetto esecutivo passerà alla fase di appalto e di esecuzione dei lavori, essendo stato riconosciuto quale soggetto attuatore, con un controllo costante di questa bonifica da decenni oggetto di speculazioni elettorali.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu