TEANO. Due tentativi di sequestro di persona, ansia e terrore in un’intera cittadina: una minorenne che si recava a scuola ed una 20enne commessa di un negozio.

Avviate le indagini da parte delle forze dell’ordine si scovano indizi che possano far risalire ai 4 balordi.

Due distinti episodi che hanno messo a soqquadro un’intera cittadina, quella di Teano, che vive nel timore addirittura del rapimento di persone. I due episodi hanno visto come vittime dapprima una minorenne che si recava a scuola percorrendo Via 26 ottobre; di lì a poco, forse sempre ad opera della stessa banda di malviventi che si muoveva a bordo di un furgone grigio, ha visto come destinataria di un tentativo di rapimento una ragazza poco più che 20enne, commessa di un esercizio commerciale di vendita di accessori per abbigliamento del quartiere Borgo Sant’Antonio Abate. Nelprimo caso i testimoni sono riusciti a raccogliere indizi che saranno ora utili alle forze dell’ordine per scovare i balordi; per il secondo episodio, invece, che ha visto protagonista la ragazza, sarebbero emersi importanti particolari. Difatti, la giovane sarebbe stata affiancata dai quattro soggetti ed invitata, con frasi ammiccanti, a salire nel veicolo. Addirittura uno degli uomini avrebbe afferrato la 20enne per un braccio, strattonandola e tentando di tirarla a bordo del mezzo, ma fortunatamente la stessa sarebbe riuscita a fuggire, urlando. Avviate dunque le indagini, ora è caccia aperte all’uomo: ogni indizio è ritenuto interessante ed ogni testimone, o presunto tale, potrà fornire utili dettagli al fermo dei presunti aggressori. A supportarte le forze del’ordine si potranno certamente vagliare le immagini che sono state certamente registrate dalle videocamere poste all’ingresso nord della cittadina sidicina.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu