TEANO / PIEDIMONTE MATESE. Società Consortile Laocoonte, ecco il nuovo CdA: Simone presidente, confermato Marcellino Iannotta alla vice presidenza, dentro anche Della Rocca. Ora il rilancio del progetto nei territori dell’Alto Casertano.

Il consorzio, sempre nell’opera di valorizzazione dei centri storici dell’Alto Casertano, ha di recente avviato nuove campagne di rilievo e monitoraggio dei borghi storici finalizzate alla conoscenza del territorio.

La Società Consortile Laocoonte ha proceduto al rinnovo dei vertici: alla presidenza è stato designato un rappresentante del Comune di Teano, dr. Maurizio Simone, mentre alla vice presidenza viene confermato il rag. Marcellino Iannotta (nella foto), già amministratore, nonchè sindaco facente funzioni, al Comune di Piedimonte Matese; nel CdA anche Antonio Della Rocca da Alvignano. Nella stessa seduta assembleare all’ordine del giorno vi era anche l’approvazione del Bilancio d’esercizio 2017 (punto poi rinviato) e la nomina del Collegio sindacale. Il Consorzio Laocoonte solo la settimana scorsa, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico di Teanum Sidicinum in Teano, ha incontrato tutte le Pro Loco attive nei territori comunali dell’Alto Casertano afferenti al Consorzio per un confronto sulle attività di valorizzazione dei centri storici rispettivamente avviate (le attività, giova ricordarlo, sono tutte a titolo gratuito) e, soprattutto, di discussione delle modalità di collaborazione alla promozione e all’implementazione dei contenuti di un’APP per smartphone che il gruppo di ricerca Laocoonte sta attualmente elaborando quale strumento di promozione turistica del territorio. Inoltre, il consorzio di Comuni del Progetto Laocoonte, sempre nell’opera di valorizzazione dei centri storici dell’Alto Casertano, ha di recente avviato nuove campagne di rilievo e monitoraggio dei borghi storici finalizzate alla conoscenza del territorio e all’individuazione di strumenti di valorizzazione e promozione del tessuto storico-culturale. Le operazioni hanno preso avvio con il rilievo dell’insediamento medievale di Gioia Sannitica, oggi caratterizzato da uno stato eccezionale di conservazione. Il gruppo di ricerca di Laocoonte ha eseguito un rilievo tridimensionale dei ruderi del castello, edificato in età normanna, con fotogrammetria close-range, mediante riprese fotografiche aree tramite droni e riprese a terra con fotocamere digitali di ultima generazione. Partendo dall’impostazione di una base topografica poligonale e adottando una metodologia di rilievo speditiva e sofisticati algoritmi (Structure From Motion), durante sopralluoghi successivi i ricercatori del Consorzio, guidati dal Responsabile del Progetto e con il supporto del Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale dell’Università degli studi della Campania, con il quale la Società consortile ha siglato un Protocollo d’Intesa, hanno creato complessivamente 6 stazioni, battuto circa 50 punti e acquisito circa 1000 foto.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu