Terremoto nel matese. Piedimonte matese, 16 famiglie senza casa la notte di capodanno. Danneggiato anche l’Istituto Tecnico Agrario.

Piedimonte+Matese+convento_S_Maria_OccorrevolePiedimonte Matese Via Aldo Moro

Dichiarati inagibili l’Istituto Tecnico Agrario, ospitato in un ex monastero, una parte del palazzo municipio, così come le Chiese Ave Gratia Plena, la Confraternita del Carmine, il Palazzo Vescovile ed il convento Francescano di S. Maria Occorrevole (nella foto a sx) ed appartamenti in Via Aldo Moro (nella foto a dx).

Seconda notte in strada per molte famiglie residenti nelle case popolari di Via Aldo Moro a Piedimonte Matese, dopo il sisma che il 29 dicembre scorso ha colpito il matese . Ancora forte la paura tra la popolazione, che ha preferito rimanere in strada anche di notte nonostante la situazione volgesse alla normalità. I vigili del fuoco già domenica sera hanno accertato l’ assenza di danni alle strutture, confermando l’agibilità abitativa per le case ex Iacp. “Protezione civile comunale e Croce Rossa hanno assistito i cittadini con bevande calde e generi di prima necessità – ha confermato il vice Sindaco di Piedimonte Matese, Costantino Leuci (il Sindaco Vincenzo Cappello era fuori Itaia per le vacanze natalizie) – mentre sono in corso ulteriori sopralluoghi dei vigili del fuoco per dare ulteriori garanzie. Speriamo che queste persone tornino stasera nella loro case”. In totale sono 18 le abitazioni dichiarate inagibili, 15 a Piedimonte Matese e 3 a Castello del Matese; 16 nuclei familiari si trasferiti presso parenti, gli altri due in strutture messe a disposizione dal Comune, questo mentre i vigili del fuoco del Comando Provinciale proseguono, su indicazione del Centro Operativo Misto coordinato dalla prefettura, le verifiche a chiese e scuole. Al momento sono state dichiarate inagibili la Chiesa Ave Gratia Plena, la Confraternita del Carmine, che ha subito lesioni rilevanti, così come il Palazzo Vescovile. Anche il convento Francescano di Santa Maria Occorrevole, che sorge proprio sull’epicentro del sisma, con l’annessa chiesetta, è stata dichiarata inagibile ma i vigili del fuoco hanno escluso danni strutturali alla parte che ospita le celle dei frati, che questa notte hanno potuto dormire in casa al caldo. Qui la torre campanaria è stata invece transennata per la caduta di calcinacci. Tra le scuole solo l’Istituto Tecnico Agrario, ospitato in un ex monastero, è stato chiuso mentre resta inagibile una parte del palazzo municipio di Piedimonte Matese interessata dal cedimento di un pezzo di cornicione.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu