Venafro. Inquinamento nella Piana, le “Mamme per la salute” contro l’impianto: “La nostra area pattumiera d’Italia”.

“Che cosa sta succedendo nella Valle del Volturno mentre si combatte la turbogas nella provincia di Caserta? (a Presenzano, ndr).

Si inasprisce  la lotta ambientale in tutta nella Valle del Volturno, giustificata dai continui sforamenti delle polveri sottili che fanno presagire al peggio. Eppure la cosa sembra passare inosservata per le autorità preposte, che per di più sembrano non tenere in debito conto il principio precauzionale istituito dall’Unione Europea in materia di salute pubblica. Sul fronte della battaglia le “Mamme per la salute”: “Che cosa sta succedendo nella Valle del Volturno mentre si combatte la turbogas nella provincia di Caserta?. In gran silenzio ci si attiva per portare nell’ex Fonderghisa oltre 70.000 tonnellate all’anno di frazione organica dei rifiuti urbani per un impianto di biometano. Un autentico attacco al territorio, ancora ad importare rifiuti da altre Regioni. Non bastava la quantità abnorme di Css (combustile solido secondario, ndr) bruciato da Herambiente e Colacem, non bastavano le notevoli quantità di fluidi pericolosi e non pericolosi da destinare al depuratore del Nucleo industriale di Pozzilli, ora da importare anche rifiuti da frazione organica. La Regione Molise, la Regione che più di ogni altra in Italia importa rifiuti vuole migliorare il triste primato. Non è effetto “Nimby” – precisano le componenti l’associazione  – ma un no a un impianto che per il territorio è inutile e dannoso. In una Regione che produce 18.823,77 tonnellate/anno di rifiuto da frazione organica, dove la provincia di Isernia ne produce solo 4.156,116 tonnellate/anno, una scelta del genere vuol dire vocare definitivamente la nostra area a pattumiera d’Italia”. Quindi, concludono, “entro il 27 dicembre è possibile presentare le osservazioni in questa fase di verifica assoggettabilità a Via inviandole all’indirizzo: arpamolise@legalmail.it, è importante essere presenti fattivamente in tutte le fasi del procedimento, ovviamente l’impianto dovrà essere sottoposto a Via (Valutazione di impatto ambientale) ed anche in tale fase sarà fondamentale la partecipazione di tutti. Considerata la gravità della situazione, chiede impegno concreto prima che sia troppo tardi. Impegno serio e fattivo è richiesto in particolare a tutte le forze politiche che dovrebbero, senza se e senza ma, difendere veramente il territorio”.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu