Venafro / Pozzilli. 35enne alla guida completamente ubriaco: denunciato e patente ritirata. Piantagione di marijuana: denunciato 40enne.

carabinieri isernia venafro controlli 002

A Venafro, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno sorpreso alla guida della propria autovettura un 35enne del luogo, che completamente ubriaco, metteva in grave pericolo l’incolumità degli altri utenti della strada. Il tasso alcolemico, accertato mediante l’apparato etilometro in dotazione alle unità di Pronto Intervento dell’Arma, superava di ben cinque volte il limite previsto dalla normativa vigente. Per questi motivi, i Carabinieri lo hanno fermato ed accompagnato in Caserma dove nei suoi confronti sono scattati una serie di provvedimenti giudiziari ed amministrativi, che vanno dalla denuncia alla competente Autorità Giudiziaria per guida in stato di ebrezza alcolica, al ritiro della patente di guida ed al sequestro del veicolo. A Pozzilli, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Venafro, nel corso di una perquisizione domiciliare hanno rinvenuto una piccola piantagione di marijuana allestista sul terrazzo di casa di un 40enne del luogo. Le piante, che erano state ben occultate sotto una tenda da campeggio, dell’altezza media di circa mezzo metro, sono state sottoposte a sequestro, mentre il responsabile è stato denunciato per coltivazione illegale di sostanze stupefacenti. Ulteriori indagini sono in corso da parte dei Carabinieri per accertare a chi fossero destinate le sostanze stupefacenti una volta pronte per essere immesse nel mercato illegale. Con quest’ultima attività salgono complessivamente a cinque le persone arrestate nell’ambito di operazioni antidroga condotte dai Carabinieri del Comando Provinciale di Isernia dall’inizio di quest’anno, oltre un centinaio le persone denunciate, segnalate o proposte per misure di prevenzione, circa ottanta le perquisizioni eseguite con esito positivo ed oltre millecinquecento le dosi di stupefacenti tra eroina, cocaina, hashish, marijuana, exstasy, amnesia, crack e metadone, sottoposte a sequestro.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

menu
menu