PIEDIMONTE MATESE. Ospedale “Ave Gratia Plena” promosso Dea I livello, il direttore generale Russo: “era solo declassificato”. VIDEO.

“L’Ortopedia a Piedimonte Matese: un reparto di altissima professionalità governato da professionisti che oggi rappresentano l’eccellenza in Campania”.

“Il territorio di Piedimonte Matese, a differenza delle altre aree dell’area casertana, presenta una spiccata propensione per quelli che sono gli indici di vecchiaia un pò più alti e quindi un incremento delle patologie croniche”. Spiega così Ferdinando Russo, il direttore generale dell’Asl di Caserta, la situazione attuale della sanità nell’Alto Casertano. Passa in rassegna anche il Dea di I Livello a Piedimonte Matese ma anche la nuova emergenza coronavirus, legata ai contagi dei rientri dalle vacanze, che ha reso necessario l’incremento dei posti letto all’Ospedale di Maddaloni. L’intervento di Russo in Regione fa chiarezza sulla delibera con cui l’ “Ave Gratia Plena” è stato “promosso”. “Ospedale era solo declassificato. E’ opportuno fare una puntualizzazione precisa – ha spiegato Russo. Fin dall’inizio del mandato come direttore generale dell’Asl di Caserta c’è stata la nostra attenzione all’ospedale di Piedimonte Matese. Ospedale che ha sempre presentato potenzialità straordinarie ma che era stato solo declassificato“. Per Russo l’Ave Gratia Plena “già presenta tutte le unità operative fondamentali per essere definito Dea di I Livello”. Russo ha poi parlato della domanda in un territorio difficile da un punto di vista geografico e con una popolazione di circa 100mila abitanti, molti dei quali anziani. Di qui la valutazione che ha tenuto “conto dell’offerta territoriale, cioè delle dinamiche epidemiologiche e sociodemografiche che abbiamo su quel territorio” che quindi ha “necessità di un supporto che garantisca una domanda di emergenza che può nascere sul territorio”. In questa logica ci sono stati una serie di interventi strutturali in modo da “arricchire le unità operative che si rendono necessarie”. In merito all’Emergenza Covid: “siamo stati i primi ad afferrare il concetto che la patologia da Coronavirus andava affrontata con una logica multidisciplinare. Abbiamo creato 3 team Covid: Grazzanise, Caserta e Piedimonte Matese. Praticamente abbiamo messo in atto con una medicina d’iniziativa la presa in carico di patologie a basso impatto e pauci sintomatologiche per poter verificare costantemente se ci fossero complicanze e trasferire i pazienti al Covid Center di Maddaloni, un gioiello della nostra provincia”.

VIDEO

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu