Caserta / Provincia. Commercio ingrosso e dettaglio di abbigliamento, sequestro preventivo per 900mila euro a tre soggetti.

Questa mattina, a seguito di attività investigativa diretta da questa Procura della Repubblica, militari dcl Gruppo Guardia di Finanza di Aversa hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli Nord, finalizzato alla confisca diretta di disponibilità finanziarie per circa 900.000 euro.

Tali beni sono riconducibili a tre soggetti, di cui uno di Afragola (NA) e due di Cesa (CE), in ordine ad ipotesi di bancarotta fraudolenta, documentale e distrattiva, in quanto sono state accertate plurime operazioni dolose – consistite nel reiterato inadempimento delle obbligazioni fiscali per complessivi euro 515.303 ed operazioni distrattive di denaro e beni per un importo pari a euro 491.989, nel settore del commercio all’ingrosso ed al dettaglio di abbigliamento.

Le investigazioni, partite a ottobre 2021, hanno consentito di rilevare che gli indagati hanno posto in essere condotte volte ad accumulare debiti erariali e commerciali in capo ad una società, per poi svuotarla dei beni e delle risorse finanziarie, che trasferivano ad altre imprese con le quali proseguivano 1’attività imprenditoriale, conducendo la predetta società al fallimento.

Il debito accumulato e ricostruito nel corso delle indagini è stato quantificato in 2 milioni di euro. Contestualmente, sono state eseguite perquisizioni presso le sedi societarie e le abitazioni degli indagati. ai quali sono stati anche notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari.

L’indagine si innesta in un filone investigativo avviato da questa Autorità Giudiziaria su episodi di bancarotta ad opera di imprenditori che hanno società con sede nel relativo circondario.

In tale contesto, si segnala la recente approvazione di un protocollo – a firma del Presidente del Tribunale di Napoli Nord e del Procuratore della Repubblica – sulla veicolazione dei flussi informativi a seguito dell’entrata in vigore del nuovo codice della crisi di impresa e dell’insolvenza, finalizzato a dare ulteriore impulso investigativo al contrasto ai cc.dd. “reati di impresa”.

Costante in questo settore l’impegno della Procura della Repubblica di Napoli Nord, in sinergia con la Guardia di Finanza, finalizzato a contrastare le economie illegali che inquinano il tessuto economico del territorio.

Stampa
comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu