Trivento. Uccisa in un agguato in Kenya 51enne dottoressa molisana: prestava servizio in un orfanotrofio.

trivento rita fossacecaLa donna aveva organizzato numerose iniziative a sfondo umanitario per ForLife, la stessa associazione con cui settimane fa era partita alla volta del Kenya. Apprensione per i genitori ed uno zio sacerdote.

Dolore e sgomento in tutto il Molise per l’agguato a scopo di rapina avvenuto in Kenya, nel corso del quale è rimasta uccisa la 51enne dottoressa Rita Fossaceca, originaria di Trivento, e sono rimasti feriti altri tre italiani. Nella notte, i carabinieri hanno dato la triste notizia ai familiari che risiedono nel centro molisano. Ma apprensione in paese c’è anche per le sorti dei genitori e dello zio della donna, un sacerdote, don Luigi Di Lella, che pochi giorni fa sono partiti per l’Africa e si troverebbero ancora lì. La Fossaceca si era trasferita anni fa in nord Italia, a Novara, dove svolgeva la professione di radiologo nel locale ospedale civile. Ma tornava spesso nel piccolo centro molisano di Trivento, dove aveva organizzato numerose iniziative a sfondo umanitario per ForLife, la stessa associazione con cui settimane fa era partita alla volta del Kenya per prestare servizio in un orfanotrofio. Questo il messaggio del governatore della Regione Molise, Paolo Frattura: “La notizia dell’uccisione della dottoressa Rita Fossaceca ci lascia senza parole: siamo vicini alla famiglia e alla comunità di Trivento. Perdiamo una donna, un medico, che ha dato l’esempio con il suo impegno umanitario, con la sua dedizione ai più deboli. Per noi sconcerto e sofferenza pieni. Sappiamo che in Kenya con la dottoressa Fossaceca c’erano anche i suoi genitori e lo zio sacerdote. Siamo vicini a tutti”.

Stampa

comment Nessun commento

Sii il primo a lasciare un commento alla notizia

mode_editLascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

menu
menu